La Chiesa di Grecia istituisce la Giornata per la protezione del nascituro

Il Santo Sinodo della Chiesa di Grecia ha deciso di affrontare formalmente la questione degli aborti nel paese.

Il movimento “Let me live” è stato  accolto con gioia e gratitudine ed è stato stabilito che la prima domenica dopo Natale (in cui la Chiesa legge il Vangelo del massacro dei santi innocenti di Erode), sarà la giornata dedicata alla protezione della vita del nascituro.

“Fedele alla Parola del Vangelo e alla Tradizione della nostra Chiesa ortodossa, [la Chiesa] proclama la verità, che il nascituro è una persona, un’icona di Dio, dal momento del concepimento, e lotta per la protezione della sua vita incondizionatamente e senza presupposti “.

L’istituzione del giorno del nascituro è stata presa per proteggere il bambino e risolvere il problema demografico del Paese.

In Grecia il movimento, “Let Me Live”, fedele alla Parola del Vangelo e alla Tradizione della Chiesa ortodossa, ha dichiarato che il nascituro è un essere umano, un’immagine di Dio e per questo il gruppo si sforza di proteggere la vita senza termini e condizioni.

Ovviamente la decisione ha scatenato reazioni, soprattutto da parte delle femministe, che difendono il diritto all’aborto, o per meglio dire il delitto di aborto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.