Il vescovo di Sulmona: "Attentato di Berlino, siamo alla barbarie" | lafedequotidiana.it

Il vescovo di Sulmona: “Attentato di Berlino, siamo alla barbarie”

Ti è piaciuto? Condividi!

spina“Non si usi mai la religione quale mezzo di distruzione, sarebbe una bestemmia.” Lo dice in questa intervista a La Fede Quotidiana monsignor Angelo Spina, vescovo di Sulmona- Vulva. Fabrizia Di Lorenzo, l’italiana coinvolta nella orribile strage di Berlino, infatti, appartiene alla sua diocesi.

Eccellenza, la sua comunità è stata duramente colpita. Da vescovo che cosa dice?

” Qui non si tratta di essere vescovo o no. Davanti al mistero del male  si interroga l’uomo, credente o non credente. Sono certamente vicino alla famiglia che conosco, brava gente, persone perbene e buone oggi in grande sofferenza. Siamo alla barbarie”.

Investire gente inerme con un camion al mercatino di Natale, perchè?

” Non esiste una spiegazione razionale, non è possibile o pensabile utilizzare Dio e la religione come arma di distruzione, è una bestemmia. Purtroppo accade, quando si cade nel fanatismo e nell’ estremismo”.

Che risposta bisogna dare?

” Indubbiamente a caldo, se colpiti da vicino, la risposta  diventa emotiva o peggio ancora di vendetta. Ma non sia mai così. Il Papa ci invita giustamente ad essere costruttori di ponti e mai di muri e la sola maniera di replicare alla violenza e a questo impazzimento è la logica dell’ amore e  della tolleranza,  doti tipiche del cristiano. Vendetta e violenza non portano da nessuna parte, in ogni  uomo bisogna sempre e  solo vedere il volto di Dio”.

Eppure il terrorismo islamico continua a mietere vittime innocenti…

” Occorre essere fermi e chiari nel dire di no e condannare la violenza e  il terrore. La soluzione ai problemi non siano mai violenza e attentati e chi fa questo oltraggia Dio. Da parte di tutti ci sia il rispetto della sacralità della vita e dell’  uomo nel quale vedere il volto di Dio”.

Assieme a Fabrizia merita una citazione il povero autista polacco del camion che ha lottato per evitare la strage ed è stato assassinato…

“Anche lui un eroe silenzioso e una vittima. E’ morto guadagnandosi onestamente il pane. Non è possibile lasciare cari e famiglia mentre si lavora o si va al mercatino di Natale”.

Uno dei presunti terroristi era entrato in Italia da Lampedusa, torna il tema immigrazione…

” Non possiamo dire sicuramente che tutti i migranti sono terroristi e l’accoglienza è cosa giusta. Tuttavia, davanti ad un fenomeno così globalizzato come il terrore, occorre avere prudenza e vigilanza, controllare chi entra da noi indentificandolo per evitare brutte sorprese. Occorre anche usare cautela”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.