Il prof cattolico Michael Hesemann vince il processo contro Facebook

Ti è piaciuto? Condividi!

Lo storico della chiesa di Düsseldorf, Michael Hesemann, aveva subito la chiusura di 30 giorni del suo profilo Facebook perché aveva scritto che “l’Islam gioca nella storia di 1.700 anni dell’occidente cristiano un solo ruolo: la spada di Damocle, che incombeva su di noi, la minaccia della barbarie. A questo proposito, l’Islam non fa parte della storia tedesca, ne fa parte la difesa contro l’Islam!”.

Ora la 12a divisione civile del tribunale distrettuale di Dusseldorf ha stabilito che questo blocco è stato fatto in modo errato.
In sostanza è stata violata la libertà di espressione costituzionalmente garantita del prof. Hesemann.

Facebook aveva giustificato il blocco del profilo del prof. Hesemann basandolo sui suoi termini e condizioni, qualificando il testo come un messaggio “d’odio religioso”. Hesemann aveva risposto che il suo commento riguardava la valutazione di una situazione storica passata. Il suo contributo ha affrontato fatti storici e non era quindi un “messaggio di odio” e, pertanto, non violava gli standard della community di Facebook.

Adesso, nella sua sentenza dell’11 settembre 2019, il tribunale distrettuale di Düsseldorf ha confermato le posizioni del professore. “L’affermazione deve essere compresa da un lettore medio imparziale e ragionevole (con un po ‘di conoscenza storica di base) nel senso stabilito dal richiedente. L’attore sostiene che fa parte della storia europea la difesa contro l’Islam sotto forma di crociate e che l’Islam è sempre stato visto come una minaccia. Non è stata accolta la richiesta dell’attore di conoscere meglio i motivi della sospensione. Quel che è certo è che si basava sul “Network Enforcement Act” del 2017 adottato dal governo della Merkel. Facebook non ha avuto bisogno di spiegare se è stata coinvolta una “società incaricata” o chi alla fine risponderà per il giudizio errato che ha portato alla censura.

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.