Padre Amorth: “Dietro l’ISIS c’è il diavolo”

Ti è piaciuto? Condividi!

Padre Gabriele Amorth
Padre Gabriele Amorth

Attraverso un’intervista rilasciata alla trasmissione televisiva “La strada dei miracoli”, il celebre esorcista Padre Gabriele Amorth (autori di più 70mila esorcismi) ha sostenuto che dietro le violenze e le persecuzioni ai danni dei cristiani operate da parte dell’Isis c’è dietro lo zampino del demonio, visto che “dove c’è del male c’è sempre il demonio che suggerisce. Dove ci sono guerre e distruzione c’è sempre il diavolo dietro che se la ride”.

Poi ha lanciato l’allarme sulla vita del Papa ricordando che “questa gente dell’ISIS può anche sparare al Papa senza problemi”.
A 90 anni il sacerdote paolino, originario di Modena, continua a praticare almeno 3 esorcismi al giorno. E suoi vescovi che non credono al demonio e non nominano nuovi esorcisti dice di avere scritto una lettera a Papa Francesco e di avergli chiesto di “cambiare le cose e permettere a tutti i sacerdoti di praticare esorcismi”.

Il Papa, attraverso il suo vicario per la Diocesi di Roma, gli ha risposto dicendo che “le cose non si possono cambiare così da un giorno all’altro” e che “ci sono lunghe procedure e delle regole da seguire”. Negli studi di “La strada dei miracoli”; ha suscitato un dibattito animato (con Alessandro Cecchi Paone che negava risolutamente) il ricordo di Padre Padre Amorth riguardo a più di 2 chili di materiali che hanno sputato indemoniati sottoposti ai suoi esorcismi negli anni (chiavi, pezzi di vetro, catene, chiodi, ecc.). Hanno preso le difese di Padre Amorth sia don Davide Banzato che don Aldo Bonaiuto, che hanno salvato molti giovani dalle sette e da Satana rispettivamente con “Nuovi Orizzonti” e la “Comunità Giovanni XXIII”, fondate da Chiara Amirante e don Oreste Benzi.

Matteo Orlando

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.