Monsignor Sigalini: "Lo Stato valorizzi il ruolo delle casalinghe" | lafedequotidiana.it

Monsignor Sigalini: “Lo Stato valorizzi il ruolo delle casalinghe”

Ti è piaciuto? Condividi!

sigalini” La politica in Italia non si preoccupa troppo della famiglia che è ossatura della società”. Lo dice amaramente in questa intervista a La Fede Quotidiana monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina.

Monsignor Sigalini, in Italia si è da poco tenuto il Fertility Day per segnalare il problema della scarsa natalità. Ha condiviso quella iniziativa?

“Ha avuto certamente il merito di evidenziare che in Italia si fanno pochi figli e questo mi sembra da elogiare. Magari a livello di comunicazione si poteva fare di meglio. Penso tuttavia, che la ragione della bassa natalità  sia da ricercare da altre parti”.

Dove?

” La famiglia in Italia è a dir poco trascurata dalla politica che non si preoccupa molto di questa istituzione che pure è la ossatura della società”.

Quali sono le maggiori problematicità?

”  Manca il lavoro e questo ritengo che sia un motivo di grande preoccupazione sociale. Quando l’ occupazione  si fa un sogno o diventa precaria e regna la provvisorietà, diventa problematico programmare il matrimonio. Le perplessità di tante giovani coppie sono da condividere e comprendere. Se  dunque  il matrimonio  diviene  una cosa difficile da progettare, a maggior ragione lo è pianificare una nascita. Un figlio costa e penso con amarezza che un evento lieto come un bambino talvolta diventa motivo di ansia. Lo Stato oggi non protegge  le nascite”.

Che cosa si potrebbe fare?

” Penso ad una buona politica fiscale in favore delle famiglie in base al numero dei suoi membri e al reddito, a sussidi per i pannolini e in genere per le spese a favore dei neonati, ritengo necessaria un incentivazione dei servizi quali asili nido e materne e gli stessi trasporti. Inoltre mi piacerebbe segnalare la situazione delle donne”.

Avanti…

” Tante casalinghe svolgono un lavoro gravoso nel silenzio e questo non è valorizzato dallo Stato come sarebbe giusto. La casalinga merita rispetto , sostegno e tutela da ogni punto di vista”.

In  tutto questo,  gran parte della politica italiana ha corso per l’ approvazione della legge sulle unioni civili..

” Un controsenso. Io non sono contro i diritti individuali delle persone, ma mi pare poco saggio che si lasci in difficoltà la famiglia tradizionale e naturale e  ci si muova a tempi record per le unioni civili”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.