Monsignor Mansi: “Calo di natalità in Italia? I giovani non vogliono responsabilità”

Ti è piaciuto? Condividi!

L’Istat recentemente  ha certificato quello che era già noto: in Italia si fanno sempre meno figli, ben 15.000 bambini in meno (dati riferiti al 2.017) rispetto a quello precedente. Insomma, è la fotografia del grande problema, tutto occidentale, della scarsa natalità. Sul tema, abbiamo intervistato il vescovo di Andria Monsignor Luigi Mansi.

Eccellenza Mansi, in Italia crescono pochi bambini. Quali le cause?

” Le ragioni sono molteplici e ci vorrebbe tanto tempo per elencarle ed analizzarle tutte. Sicuramente è un fatto serio ed anche preoccupante”.

Molti osservatori parlano di motivazioni economiche e sociali…

” Ci sono anche quelle, perchè no. Però, occorre essere onesti e dire tutta la  verità. Io ritengo che il nodo principale sia  culturale, della mentalità”.

Cioè?

” Le giovani generazioni e coppie hanno spesso paura a rischiare e mettersi in gioco, temono di perdere, con  il matrimonio e  la nascita del figlio, la loro libertà. In sintesi, esiste  la paura che la venuta al mondo di un bambino, cosa che comporta impegno serio e responsabilità, restringa gli spazi di autonomia . Se metto su famiglia in modo stabile con la nascita di un figlio, come posso andare serenamente e senza turbamento al cinema, al teatro, alla palestra o in villeggiatura?”.

Le motivazioni economiche?

“Ci sono anche quelle, naturalmente. Ma in molti casi, i soldi per i macchinoni e le vacanze si trovano. E allora, come le dicevo, bisogna essere  leali nelle valutazioni e dirsi tutto senza timore del conformismo, raccontare le cose come stanno. A mio avviso, la prima motivazione è di ordine culturale. Aggiungo che i media, dal canto loro, banalizzano o ridicolizzano la famiglia e questo è un male”.

E la politica?

” Qui entra in gioco il lato economico. In molto occasioni, non tutte, fare famiglia e figli non è semplice, specie se non si ha reddito o lavoro. Mi sembra intollerabile che talvolta la nascita di un bimbo, al posto di essere motivo di gioia, possa diventare causa di turbamento o  preoccupazione”.

Che cosa ha fatto o fa la politica per la famiglia  ed incentivare la natalità?

” Poco. Bisogna dare appoggio e sostegno a questa istituzione non con provvedimenti a pioggia e sporadici, ma di natura strutturale e penso per esempio, ad un regime fiscale amico della famiglia, modulato in ragione del numero dei suoi componenti. O ancora aiuti alle neo mamme. Penso che lo Stato abbia il dovere di favorire la maternità con provvedimenti economici e sussidi. Una madre deve essere libera di   crescere il suo bambino senza alcun assillo e non  affidarlo, dopo poco tempo a zie, nonni o  estranei. Ecco dunque l’ importanza di un reddito o sussidio di maternità. In questo modo si può contribuire ad attenuare una delle cause della scarsa natalità, ferma restando quella culturale”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

2 pensieri riguardo “Monsignor Mansi: “Calo di natalità in Italia? I giovani non vogliono responsabilità”

  • Avatar
    24 Dicembre 2018 in 16:22
    Permalink

    Mi stupiscono e il Vescovo e l’intervistatore. Di fronte a nuove generazioni di giovani e di famiglie sempre meno aperte all’accoglienza dei figli ci si interroga su quale incidenza abbiano la cultura corrente, il disagio economico, i media, la politica, la famiglia, dimenticando… la Chiesa! Quale formazione cristiana ed educazione alla vita può dare, ad esempio, una Chiesa che stila indagini sociologiche sui giovani e chiede come loro la vorrebbero invece di proporre a loro come lei li vorrebbe per far conoscere e incontrare Cristo? (vedi il Sinodo) Quale credibilità può avere una Chiesa nella quale si esaltano i “nuovi paradigmi interpretativi” e i conseguenti “nuovi indirizzi pastorali” che portano i giovani e gli sposi a ritenere accettabile la contraccezione? Quale testimonianza e formazione cristiana possono mai dare coppie divorziate che la Chiesa autorizza ad accostarsi all’eucaristia pur conservando relazioni adulterine e giustificandole “per evitare che i figli ne risentano ed educarli invece cristianamente”? Come mai dalla formazione negli oratoti è scomparsa la parola “ascesi”, sostituita dagli inflazionati “dialogo” e “multiculturalità”? Ripeto, mi rattrista notare quanto la Chiesa si sia anch’essa disinteressata ad avere e ad educare santi e numerosi figli.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Dicembre 2018 in 8:06
    Permalink

    “Calo di natalità?…” Mi stupiscono sia il Vescovo Mansi come l’intervistatore. Di fronte a nuove generazioni di giovani e di famiglie sempre meno aperte all’accoglienza dei figli ci si interroga su quale incidenza abbiano la cultura corrente, il disagio economico, i media, la politica, la famiglia, ignorando… la Chiesa! Quale formazione cristiana ed educazione alla vita può dare una Chiesa che stila indagini sociologiche sui giovani e chiede come loro la vorrebbero invece di proporre a loro come lei li vorrebbe per far conoscere e incontrare Cristo? (vedi il Sinodo) Quale credibilità può avere una Chiesa nella quale si esaltano i “nuovi paradigmi interpretativi” e i conseguenti “nuovi indirizzi pastorali” che portano i giovani e gli sposi a ritenere accettabile la contraccezione? Quale testimonianza e formazione cristiana possono mai dare coppie divorziate alle quali la Chiesa permette di accostarsi all’eucaristia pur conservando relazioni coniugali giustificando le relazioni adulterine (e preservativi?) “per evitare che i figli ne soffrano e poterli educare invece cristianamente”? Come mai dalla formazione negli oratoti è scomparsa la parola “ascesi”, sostituita dagli inflazionati “dialogo” e “multiculturalità”? Ripeto, mi rattrista notare quanto la Chiesa sia disinteressata, per prima e con maggiore responsabilità, ad avere numerosi figli e ad educarli a vivere nella grazia e nella santità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.