Malta, i vescovi ammettono i divorziati risposati all’Eucarestia

Ti è piaciuto? Condividi!

MaltaI vescovi di Malta dicono sì alla comunione ai divorziati risposati. Malta, così, diventa il primo Paese al mondo in cui la pratica può essere diffusa a tutti i fedeli cattolici che si trovino in questa particolare situazione. L’arcivescovo di Malta ed il vescovo di Gozo hanno resi noti, infatti, i «Criteri applicativi del capitolo VIII dell’esortazione apostolica post-sinodale Amoris laetitia». Il testoè rivolto in particolare ai sacerdoti della provincia ecclesiastica maltese per accompagnare “lungo la strada del discernimento” i cattolici maltesi.

“Alcune di queste persone, anche se «hanno perso» il primo matrimonio, non «hanno perso» la loro speranza in Gesù. – si legge nel testo – Fra queste troviamo chi desidera intensamente vivere in pace con Dio e con la Chiesa, e ci pone l’interrogativo su quello che deve fare per celebrare i sacramenti della riconciliazione e dell’eucaristia.” Secondo i vescovi “attraverso l’accompagnamento e il discernimento onesto, Dio è capace di aprire nuove strade davanti a queste persone, anche se sono reduci di un cammino segnato dalle “tenebre” di scelte sbagliate o di esperienze amare segnate dall’abbandono o dal tradimento.”

Di conseguenza “in questo processo, il nostro compito non è semplicemente quello di dare un permesso per accedere ai sacramenti o di offrire delle «semplici ricette»  o di sostituire la coscienza di queste persone, ma quello di aiutarli con pazienza a formarla e illuminarla affinché siano loro stessi che arrivano a prendere una decisione sincera dinanzi a Dio e fare il maggior bene possibile.”

I vescovi spiegano che “il Papa insegna che «non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta “irregolare” vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante” e che “è possibile che, entro una situazione oggettiva di peccato — che non sia soggettivamente colpevole o che non lo sia in modo pieno — si possa vivere in grazia di Dio, si possa amare, e si possa anche crescere nella vita di grazia e di carità, ricevendo a tale scopo l’aiuto della Chiesa. Questo discernimento è importante perché, come spiega il Pontefice, in alcuni casi questo aiuto può essere anche quello dei sacramenti.” Non è da escludere, affermano i vescovi maltesi “che queste persone possono essere ritenute idonee per essere padrini e madrine.”

Tuttavia, appena pochi giorni fa, il cardinale Gerhard Mueller, a capo della Congregazione per la Dottrina della Fede aveva chiaramente detto che la dottrina non era cambiata e che, in quel solco, si doveva leggere la Amoris Laetitia. E’ evidente che i vescovi maltesi hanno dato un’altra lettura del testo.

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Un pensiero su “Malta, i vescovi ammettono i divorziati risposati all’Eucarestia

  • Avatar
    15 Gennaio 2017 in 4:23
    Permalink

    E a San Giovanni battista chi lo spiega che ha perso la testa per niente? Ma allora Dio è ilnperfettissimo e immutabile oppure no? Preghiamo per quelle anime che non trasmettono la Vera Parola di Dio perché si caricano di una responsabilità per l’eternità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.