"La caduta della fertilità sfondo della crisi da coronavirus in Italia" | lafedequotidiana.it

“La caduta della fertilità sfondo della crisi da coronavirus in Italia”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

Dopo la Cina, l’Italia ha il maggior numero di casi confermati di COVID-19, il coronavirus.
La dottoressa Jennifer Roback Morse, presidente del Ruth Institute, ha dichiarato: “L’invecchiamento della popolazione italiana è un fattore nella diffusione di una malattia a cui gli anziani sono particolarmente sensibili”. Morse ha osservato: “fino al 17 marzo ci sono stati poco più di 26 mila casi confermati di COVID-19 e 2.503 morti in Italia. Solo la Cina ha più casi. E mentre la Cina ha la popolazione più grande del mondo, i casi in Italia sono concentrati in una popolazione numericamente molto più piccola di quella cinese.
Il numero totale di casi in Italia è di circa 435 per milione di abitanti, di gran lunga superiore ai 56 casi cinesi per milione di abitanti. Peggio ancora, mentre la crescita di nuovi casi è rallentata in Cina, sta accelerando in Italia”.
Il problema demografico italiano della caduta della fertilità dovrebbe essere visto come lo sfondo della sua crisi di coronavirus.
“Il tasso di fertilità in Italia è ora di 1,33 figli per donna, molto al di sotto del livello di sostituzione di 2,1”, ha spiegato Morse.
Di conseguenza, l’Italia ha una popolazione in rapido invecchiamento. Quasi un quarto, il 23% della popolazione italiana ha ora più di 65 anni.
Nel 2019, l’età media era di 46,3 anni, si prevede che salga a 51,4 anni entro il 2050. Ciò a sua volta ha dato all’Italia una contrazione dell’economia e un aumento dei costi del settore pubblico, a causa delle pensioni e dell’assistenza sanitaria. Anche la crescente popolazione anziana della nazione ha messo a dura prova il suo sistema sanitario, come dimostra la situazione del coronavirus.
“La risposta è ovvia”, ha detto Morse. “L’Italia dovrebbe (e avrebbe dovuto) promuovere la procreazione. La Russia ha una Giornata nazionale del concepimento per affrontare la crisi della fertilità. L’Ungheria ha recentemente introdotto incentivi alla nascita. Invece di cercare di coinvolgere più donne nella forza lavoro o di ammettere più migranti – entrambe soluzioni a breve termine, nella migliore delle ipotesi – l’Italia dovrebbe incoraggiare le famiglie italiane ad avere più figli. Una nazione senza figli non ha futuro “. “Dobbiamo fare tutto il possibile per limitare la diffusione della malattia”, ha detto Morse. “Ma dobbiamo anche comprendere il ruolo dei dati demografici nel creare il tipo di popolazione soggetta al coronavirus e ad altre pandemie. Con un po’ di fortuna, e per grazia di Dio, l’Italia sperimenterà un boom di bambini post-COVID. Ogni nuovo bambino è un segno di rinnovata speranza nel futuro. Certamente, i nuovi bambini concepiti in Italia ora saranno un grande segno di speranza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.