Il cardinale Ruini: "Si può essere salvi anche senza la fede esplicita" | lafedequotidiana.it

Il cardinale Ruini: “Si può essere salvi anche senza la fede esplicita”

Ti è piaciuto? Condividi!

ruini“Troppe volte si registra un pesante silenzio sull’aldilà. Vuol dire che la vita dopo la morte è ormai fuori dall’orizzonte”. A denunciarlo è stato il cardinale Camillo Ruini, che ha preso la parola a conclusione della presentazione del suo libro, “C’è un dopo? La morte e la speranza”.

Due i “grazie” preliminari: “Al Papa emerito Benedetto XVI, senza il cui impulso non l’avrei scritto”, e al teologo Giacomo Canobbio per il lavoro di aggiornamento. “È un libro che non pretende di essere neutrale”, ha spiegato il cardinale, “perché ha una pretesa: aiutare a prendere sul serio la speranza cristiana”.

Decisivo il confronto con le scienze, “espressione fondamentale dell’intelligenza umana”, a patto però che “non si trasformino in una specie di metafisica o addirittura di teologia”, come avviene dai tempi del positivismo. “Il cuore del giudizio cristiano è la carità: si può benissimo essere salvi, anche senza la fede esplicita, se si fa del bene al prossimo”, ha detto Ruini rispondendo ad Andreoli: “Questa è la grande differenza tra il cristianesimo e l’Islam”.

“La Resurrezione di Cristo è la pietra angolare sulla quale ciascuno di noi, e l’intera famiglia umana, può costruire la propria vita”, ha concluso. (SIR)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.