Giuliva Di Berardino sul conoscere lo Spirito di verità

Ti è piaciuto? Condividi!

IL VANGELO DEL GIORNO: Gv 16,12-15 mercoledì 20 maggio 2020

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Continuiamo a conoscere lo Spirito di verità che in questi giorni la liturgia ci sta presentando facendoci celebrare le parole di Gesù, perché possiamo lasciarci visitare da questa presenza divina che ci abita grazie alla vita battesimale che ci appartiene, la vita dei risorti che ci offre Gesù. Gesù stesso in questo testo, nel parlare ai suoi discepoli, afferma che la rivelazione di tutta la verità su di Lui è compito dello Spirito, che per questo viene identidicato come Spirito della verità to pneuma thV alhqeiaV che ci guiderà alla verità tutta, ci guiderà, un verbo composto da due termini in greco: odoV, che vuol dire strada, via, e agw che vuol dire muovere, spingere, condurre. Quindi Gesù sta dicendo ai suoi discepoli, e a noi anche, oggi, che lo Spirito della verità ci “farà strada”, ci “spingerà sulla via” perché possiamo giungere alla verità tutta intera, cioè totale, cioè che comprende tutto, in cui tutte le cose sono immerse. Lo Spirito della verità fa la verità! E questo l’abbiamo già detto anche ieri abbiamo visto come: mostrandoci l’accusa della mondanità che ci portiamo dentro attraverso il peccato, l’ingiustizia e il giudizio. Oggi vediamo perché lo Spirito fa la verità, quindi entriamo più in profondità nell’azione intima dello Spirito di verità in noi, ricordando sempre che lo Spirito della verità è nostro Paraclito, quindi se ci mostra la verità lo fa per difenderci e per farci risplendere alla luce, per darci bellezza e onore, perchè Lui ci ama, Lui è Amore. Ma, per aprire in noi vie nuove, infatti, Lui che è odhghtoV, cioè colui che ci spinge su strade nuove, colui che ci guida, possiamo affermare che lo Spirito fa la verità in noi perché è Colui che ci porta verso una luce nuova, una realtà nuova, una strada nuova: apre in noi vie nuove. E perché? Gesù ci dice perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Cosa significa questo? Che lo Spirito agisce sempre, però non è mai in prima linea. Di fatto Egli è il protagonista, ma lo è perché non parla da se stesso, lo è perché dice le parole di un altro, lo è perché fa dire a noi quello che avverrà. Lo Spirito Santo è il cuore della relazione di Dio, è la comunicazione di Sapienza e di Verità e in questa comunicazione inserisce noi. Allora, oggi, conoscendo sempre di più in profondità lo Spirito della verità, il nostro Paraclito, impariamo da Lui, lasciamoci costruire interiormente, invocando la Sua presenza amica, benevola, lasciamoci spingere verso la via che Lui può scavare dentro di noi per portarci alla verità di quello che davvero siamo in Dio, lasciamo che Lui edifichi in noi la sua divina umiltà perchè anche noi possiamo agire come Lui, acquisire questa Sapienza: non parlare da noi stessi, ma dire, con le parole e con la vita, ciò che Lui, lo Spirito, ci rivela di se stesso, di Gesù e del Padre. Invochiamo, allora, il nostro Paraclito, con una preghiera scritta da Chrles de Faucault: “O Sprito Santo Paraclito, pieno di gioia inizio la preghiera con le parole del Veni Creator ‘’Donaci di conoscere il Padre, e di conoscere il Figlio’’. Sì, o Spirito del Padre, dolce ospite dell’anima, resta sempre con me per farmi conoscere il Figlio sempre più profondamente. O Spirito di santità, donami la grazia di amare Gesù con tutto il cuore, di servirlo con tutta l’anima e di fare sempre e in tutto ciò che a lui piace. O Spirito dell’amore, concedi a una piccola e povera creatura come me, di rendere una gloria sempre più grande a Gesù, mio amato Salvatore. Amen” Buona giornata!

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.