Gandolfini: "nella regione di Bibbiano l'ideologia Gender viene istituzionalizzata" | lafedequotidiana.it

Gandolfini: “nella regione di Bibbiano l’ideologia Gender viene istituzionalizzata”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

 

“Dopo mesi di pressioni delle solite lobby del pensiero unico, l’Assemblea regionale dell’Emilia Romagna ha approvato la liberticida legge sull’omotransnegatività che nulla ha a che fare con la lotta contro le discriminazioni verso tutti gli individui. Una normativa che va a creare super cittadini detentori di diritti senza pari nel mondo del lavoro, della scuolae persino nella comunicazione e nei media locali”, così il leader del Family Day Massimo Gandolfini.

“L’ideologia Gender viene istituzionalizzata proprio mentre nella stessa regione, lo scandalo degli affidi di Bibbiano mostra la portata dei danni fatti dalla visione ideologica contraria alla famiglia naturale” prosegue Gandolfini.

“Siamo grati ai membri dell’opposizione che hanno portato avanti una dura battaglia in aula, terminata la scorsa notte dopo tre giorni di discussioni. Fin da ora dichiariamo il nostro sostegno alle forze politiche e ai candidati che, alle elezioni regionali, metteranno nel loro programma l’abrogazione di questa legge, il sostegno alle famiglie emiliane e il ritorno ad una democrazia vera che non consenta classi privilegiate” conclude Gandolfini.

Roma, 27 luglio 2019                                                                        Associazione Family Day – CDNF

2 pensieri riguardo “Gandolfini: “nella regione di Bibbiano l’ideologia Gender viene istituzionalizzata”

  • Avatar
    29 Luglio 2019 in 10:13
    Permalink

    Come mai il Cattolico Gandolfini, cosi sollecito e presente per contrastare l’ideologia gender ed i tragici fatti di Bibbiano non lo è altrettanto quando si tratta di scandali di pedofilia che riguardano la chiesa cattolica? Mai un commento in proposito! All’ipocrisia non c’è mai fine…

    Rispondi
    • Avatar
      30 Luglio 2019 in 15:52
      Permalink

      guarda il video della dottoressa Elisabeta Frezza

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.