Fratel Marciano: "Padre Pio era un uomo allegro e scherzoso" | lafedequotidiana.it

Fratel Marciano: “Padre Pio era un uomo allegro e scherzoso”

Ti è piaciuto? Condividi!

Padre-pio-guanti“Esiste uno stretto e forse misterioso legame tra i Gruppi di Preghiera Padre Pio e Papa Francesco”. Lo dice fratel Marciano Morra, Segretario generale emerito del Gruppi di Preghiera Papdre Pio, amico personale del frate di Pietrelcina. Fratel Marciano ricorda che i Gruppi di Preghiera ebbero grande e meritata diffusione in Argentina proprio per impulso dell’allora arcivescovo Bergoglio il quale, da Papa, ha voluto Padre Pio quale icona del Giubileo della Misericordia assieme a San Leopoldo Mandic.

Fratel Marciano, che legame esiste tra Papa Francesco e i Gruppi di Preghiera Padre Pio?

Quando  l’attuale Papa era arcivescovo di Buenos Aires, conosceva l’ attività dei Gruppi che già erano presenti in Argentina, ma volle saperne di più e allora, dopo un sondaggio effettuato da suoi emissari a Roma, invitò il vescovo Ruotolo e il sottoscritto a Buenos Aires per  avere ulteriori notizie. Dopo una chiacchierata in una stanzetta nella quale ci mise  a nostro agio, egli ne rimase entusiasta.

Perchè entusiasta?

Perchè Bergoglio trovava il messaggio del santo quanto mai attuale e bello, concreto, sia sotto il profilo della preghiera che quello della misericordia e apprezzò il nostro apostolato. Così decise di  dare ulteriore incoraggiamento  ai Gruppi di Preghiera che  grazie a lui trovarono maggior slancio e dinamismo in Argentina.

Veniamo al Giubileo. Perchè a suo giudizio il Papa ha voluto Padre Pio, assieme a San Leopoldo Mandic quale testimonial del Giubileo della misericordia?

Qui il tema ci porta direttamente al sacramento della  confessione che Padre Pio esercitava a tempo pieno e senza risparmiarsi. Va però detto che nel suo ministero Padre Pio era molto esigente ed anche severo, quando si accorgeva che qualche penitente era poco sincero o faceva il furbo, lo mandava indietro redarguendolo, alzando anche la voce. E faceva bene.

Per quale ragione si comportava in quella maniera?
Lo diceva PadrePio: un buon sacerdote è come un padre di famiglia e il papà, proprio per il bene del figlio, non deve dire sempre sì, ma alcune volte ha il dovere di pronunciare dei no. Anche a costo di sembrare cattivo e impopolare, ma per la salute dell’ anima del penitente. La misericordia è bella e giusta, tuttavia non può scostarsi dalla giustizia e dal pentimento.

Che senso ha la traslazione delle reliquie del santo?

Un invito alla fede. Si spera possa smuovere le masse dei credenti e le coscienze spesso assopite.

Come era in privato Padre Pio?

Un amore di persona, uomo allegro e scherzoso. Del resto, la serenità è la principale dote degli uomini di Dio.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.