Facebook blocca il rosario di mezzanotte, il parroco protesta | lafedequotidiana.it

Facebook blocca il rosario di mezzanotte, il parroco protesta

Ti è piaciuto? Condividi!

Manda in diretta  a  mezzanotte via Facebook il rosario di gruppo e il profilo viene bloccato, forse per presunta islamofobia. Ecco la incredibile storia del coraggioso parroco della Romagna don Mirko Bianchi di Villa Marina, Gatteo Mare.

Don Mirko, lei ogni notte, dallo scorso sette luglio a mezzanotte  dalla sua parrocchia  manda via Facebook il rosario.  Come è nata questa iniziativa?

“Ogni mezzanotte, dallo scorso mese di luglio, ci ritroviamo nella chiesa e recitiamo il Santo rosario. Abbiamo molto bisogno di  preghiera  e trovo sconcertante che ci si meravigli di chi recita il rosario. Evidentemente in questo mondo di chiasso e modano trovano maggior consenso i concerti e le feste”.

Il rosario va in diretta via Facebook…

” Certo, ci colleghiamo attraverso il mio profilo Facebook e non è sbagliato dire che sia un rosario in diretta Facebook, lo condividiamo.  I risultati sin qui sono stati molto buoni, si tratta di un servizio di preghiera. In cento giorni abbiamo contattato quasi 1000.000 di persone e giornalmente ci seguono tra le 15.000 e 20.000. Questo grazie alla collaborazione di tanta gente”.

Ma non finisce qui…

” Abbiamo anche un altro appuntamento giornaliero, generalmente a mezzogiorno, ma può slittare di qualche ora per motivi di impegni. Si tratta di un momento di riflessione culturale, ovviamente cattolica”.

Che pensa del fatto che Facebook le ha bloccato il profilo?

” Lo trovo sconcertante, però è successo. Non so di che cosa mi accusano,  sta di fatto che Facebook mi ha bloccato. Probabilmente il rosario da fastidio”.

Lei ha ricevuto numerosi attacchi di hackers…

” Esattamente  e di origine islamica. Il mio non è un accusare quella religione , ma solo  singole persone che in quel credo si riconoscono. E’ in corso una indagine di polizia”.

Come fa a dire che sono islamici?

” Basta vedere i profili degli utenti. Dal canto mio non ho mai infastidito nessuno quando pregava per la sua fede. Qui è accaduto il contrario”.

Le è piaciuto il rosario della Polonia?

“Lo ho trovato un evento molto positivo e chi in Italia ha ironizzato o peggio accusato senza conoscerlo è in errore. Invito per esempio il giornalista Franco Di Mare a parteciparvi per  capire qualcosa o ascoltare Radio Marija che ha censurato. La conosce? Ha detto parola in libertà. Qui corriamo un rischio”.

Quale?

” Se andiamo avanti così corriamo il pericolo di non poter professare la nostra fede, Facebook controlla il pensiero delle persone. E’ in atto una persecuzione contro i cristiani”.

Bruno Volpe

5 pensieri riguardo “Facebook blocca il rosario di mezzanotte, il parroco protesta

  • Avatar
    26 Ottobre 2017 in 13:28
    Permalink

    Importante informazione al parroco della Romagna don Mirko Bianchi di Villa Marina, Gatteo Mare !!!…esiste anche TWITTER,le posto il link di un prete molto famoso che lo usa con successo:

    https://twitter.com/pontifex

    PS:Sperando che questo post non venga cancellato….(non penso di aver pubblicato informazioni sconce o inadatte all’argomento trattato!). Ave Maria !!!

    Rispondi
  • Avatar
    27 Ottobre 2017 in 12:36
    Permalink

    andrea che c’azzecca twitter? qui si parla di un atto di ostracismo verso persone che non fanno male a nessuno ma che si riuniscono per pregare…e non è che te lo ha ordinato il medico di partecipare…. intanto gli attacchi contro il cristianesimo si stanno moltiplicando alla faccia della democrazia….

    Rispondi
    • Avatar
      28 Ottobre 2017 in 13:35
      Permalink

      ‘Se andiamo avanti così corriamo il pericolo di non poter professare la nostra fede, Facebook controlla il pensiero delle persone….’Certamente dal suo livore verso di me devo constatare che Facebook controlla il suo di pensiero e le ordina quando dove e come recitare il S.Rosario.A me Facebook non impedisce di pregare!,oggi siamo nell’epoca della comunicazione,le faccio un piccolo elenco di strumenti con il quale concordare la recita di un S. Rosario senza che nessuno la arresti: Pc,Internet,Telefono.Cellulari e Smartphone,Lettere, Chat varie(IRC,Wathapp,ecc.),e sono sicuro che non li ho neanche elencati tutti.Vorrei farle anche una piccola precisazione,…questa precisa risposta non me lo ha ordinata il medico,forse,….e di forse (perchè me ne sento indegno) questa risposta me l’ha suggerita lo Spirito Santo,….lei che ha tanto paura di non poter professare la sua fede,per favore non censuri gli altri…saluti!

      Rispondi
  • Avatar
    27 Ottobre 2017 in 12:52
    Permalink

    Ma…come? A mezzanotte,ma anche a mezzogiorno e…per tutto il giorno …su F.B. vanno in diretta le volgarità più brutte,le scorrettezze più scorrette,un Rosario che non fa male ad alcuno,magari salva molti…deve essere bloccato ?
    È una DICRIMINAZIONE GRAVISSIMA PER TUTTI QUELLI CHE SI DICONO CRISTIANI e che non si RIBELLANO.
    É VEGOGNOSA CRISTIANO-FOBIA
    Capirei se accadesse in un Paese islamico…vuol dire che ci siamo già in un Paese islamico,allora ? Credo proprio che siamo più islamici che Cristiani…perché chi è Cristiano ha paura di dichiararlo apertis verbis e…questo ci meritiamo,forse anche di più….dopo che abbiamo fatto TANTA e COSTOSA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA,a casa nostra,nei nostri portafogli che di sono svuotati…
    Accogliamo,accogliamo,paghiamo,paghiamo e riaccogliamo,sempre !
    A mezzanotte non può dirsi un Rosario ?
    Chi disturba un Rosario su F.B. da mezzanotte in poi….?
    Chi vuole comandare anche su F.B…..allora.
    E chi comanda su F.B. ???
    Certo,non i Cristiani,DISCRIMINATI ,SFRUTTATI e VILIPESI.
    E noi siamo FLUIDI,dobbiamo esserlo sempre di PIÙ …accogliamo,paghiamo,ci viene persino CHIUSA la bocca…perchè siamo accoglienti per natura,a nostro solo danno e per amore del prossimo….
    ….

    Rispondi
  • Avatar
    5 Dicembre 2017 in 14:06
    Permalink

    Lodevole iniziativa ! Dobbiamo lottare con il Rosario in mano, al collo e sulle labbra.
    Il Santo Rosario fa parte della nostra cultura, della nostra identitá cristiana della nostra libertá di continuare a fare del bene agli altri.
    Questo ostruzionismo non ci deve impedire di pregare. Anzi deve rafforzare la nostra fede.
    Perché il fatto che dia fastidio a qualcuno, significa che ha un valore aggiunto.
    Continuiamo quindi a pregare il Rosario nelle famiglie e nelle comunitá. Diamo importanza al Rosario quotidiano piú che al consumismo e ne usciremo vincitori.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.