Daniela Santanchè: “Dal Papa mi aspetto parole chiare sul terrorismo islamico”

Ti è piaciuto? Condividi!

Santanchè” L’ Europa ha perso le sue origini  e la sua identità cristiana. Bergoglio? Mi aspetterei parole chiare sul terrorismo islamico”. La “pitonessa” Daniela Santanchè intervistata da La Fede Quotidiana, dice la sua sul problema terrorismo e sulla posizione della Chiesa.

Onorevole Santanchè, dopo ogni attentato si parla di Islam moderato e Islam integralista. Che ne pensa?

” Indubbiamente non possiamo affermare che tutti i musulmani sono terroristi o violenti, però è vero che i recenti atti di terrore sono stati eseguiti sulla base  dell’ Islam. Bisogna prendere atto, dunque, che distinguere Islam moderato da Islam violento non ha senso, perchè l’ Islam in genere si basa sul Corano che invita a sottomettere anche con la forza chi è infedele. Inoltre i musulmani nella loro maggior parte, hanno una visione  del mondo radicalmente opposta ed antitetica alla nostra, prenda il ruolo della donna”.

Però molti di loro si sono dissociati dagli atti di terrore…

“Sono balle. Crederò davvero a questo quando realmente e con i fatti e non parole cambieranno stile di vita e quando scenderanno nelle piazze massicciamente al nostro fianco in modo chiaro e netto, non mezze verità e in modo timido e persino ambiguo”.

Esiste, connesso a questo, un problema immigrazione?

” Sì. Io non sono contro gli immigrati regolari, quelli che hanno le carte in regola e fanno il loro dovere, ma contro i clandestini che devono tornare da dove vengono. Qui in Italia vige il razzismo di ritorno in base al quale per buonismo gli immigrati ormai sono trattati dallo Stato meglio degli italiani ed è intollerabile. Molto dipende dal fatto che l’ immigrazione si è convertita in un gigantesco affare di soldi e in una rendita politica. Senza l’ immigrazione politicamente la Boldrini non sarebbe  diventata quello che è”.

Che fanno in tutto questo la Chiesa cattolica e il Papa?

“Il primo problema è l’ Europa che ha perso le sue origini e la sua identità cristiana. Questo fa il gioco degli islamici che ci vogliono dominare. In quanto alla Chiesa cattolica e al Papa, mi aspetto parole chiare sull’Islam e sul terrore islamico, ma non ne sento. Non sta a me giudicare il Pontefice e tanto meno lo voglio fare, però certi suoi atteggiamenti non li capisco e neppure condivido, potrebbe tutelare maggiormente i cristiani. Non sono in grado di comprendere le misteriose vie e  i disegni dello Spirito Santo, ma forse sarebbe stato meglio scendere su altro Successore di Pietro. Ratzinger aveva compreso tutto”.

Che fare?

” E’ in atto una guerra ed una invasione, loro sparano con i mitra e noi rispondiamo con cerbottana e canzoni. Di questo passo, abbiamo già perso”.

Bruno Volpe

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Un pensiero riguardo “Daniela Santanchè: “Dal Papa mi aspetto parole chiare sul terrorismo islamico”

  • Avatar
    19 Dicembre 2018 in 9:51
    Permalink

    Aspetterei anche che ricordi all’ONU che: 1 – ha per statuto il dovere di difendere la vita di ogni individuo poi definisce l’aborto un “diritto umano” giustificando la soppressione di milioni di concepiti 2 – non è logico chiedere all’Italia di firmare il Global Compact e insieme rimproverarla di non assicurare servizi sufficienti per la pratica dell’aborto! 3 – Gradirei chiedesse anche a Amnesty International come mai approva anch’essa l’aborto tradendo la sua stessa nascita cattolica! Con rispetto

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.