Corea del Sud, il neopresidente si fa benedire dal parroco cattolico | lafedequotidiana.it

Corea del Sud, il neopresidente si fa benedire dal parroco cattolico

Ti è piaciuto? Condividi!

Moon Jae-in, il nuovo presidente della Corea del Sud, cattolico praticante, come primo atto della sua presidenza ha chiesto al suo parroco Paul Ryu Jong-Man, responsabile della parrocchia della Santissima Trinità nel Hongje-dong di Seoul, di benedire la “Casa Azul”, residenza ufficiale dei presidenti sud coreani, sede di vari uffici presidenziali e luogo di ricevimento dei capi di Stato in visita in Corea del Sud.

Il parroco, imponendo le  mani sul presidente e sulla moglie ha pregato per lui e si è augurato che il Presidente sia “saggio come Salomone“ e lo ha invitato, “prima di prendere qualsiasi decisione in merito allo stato”, ad invocare lo Spirito Santo. “Egli scenderà su di voi e vi darà la sua luce e la forza”.

Don Pablo Ryu Jong-Man descrive il presidente come un uomo “molto umile, aperto e gentile”. Il presidente porta sempre un anello sulla mano sinistra, l’anello del Rosario, segno della sua devozione a Maria Santissima. Il presidente ha effettuato l’ingresso nella Blue House nel giorno della festa della Madonna di Fatima, mettendo il suo servizio presidenziale sotto la protezione di Maria.

Matteo Orlando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.