Il vescovo di Spokane (Stati Uniti): “I politici a favore dell’aborto non dovrebbero ricevere l’Eucaristia”

Il vescovo di Spokane (Stati Uniti), mons. Thomas Daly, ha sottolineato che i politici cattolici a favore dell’aborto non dovrebbero ricevere la comunione.

“I politici che risiedono nella diocesi cattolica di Spokane e che ostinatamente perseverano nel loro sostegno pubblico all’aborto non dovrebbero ricevere la comunione senza prima riconciliarsi con Cristo e la Chiesa ” , ha scritto il Prelato in una lettera del 1 ° febbraio .

“Gli sforzi per ampliare l’accesso all’aborto, permettendo ai bambini di essere uccisi fino al momento della nascita, sono sbagliati. I bambini sono un dono di Dio indipendentemente dalle circostanze del loro concepimento. Non solo hanno il diritto alla vita, ma noi come società abbiamo l’obbligo morale di proteggerli “, ha affermato il vescovo.

La lettera di Mons. Daly appare prima del dibattito sull’aborto in diversi stati e dopo che alcuni cattolici, tra cui un vescovo, hanno chiesto la scomunica del governatore di New York, Andrew Cuomo, che il 22 gennaio ha firmato una legge che permetterà alle donne di praticare l’aborto legalmente durante tutta la gravidanza.

“Il paladino di queste leggi sull’aborto è Andrew Cuomo, il governatore cattolico di New York che spesso parla della sua fede cattolica come sostegno per le leggi che preferisce. La sua testimonianza pubblica di politico cattolico, insieme al suo sostegno all’aborto, è inaccettabile” , ha affermato il vescovo di Spokane.

A questo proposito, l’Arcivescovo di New York, il cardinale Timothy Dolan, ha detto scomunicare Cuomo sarebbe “controproducente”, e che questo non potrebbe avere un effetto positivo sul governatore, anche se è stato critico sul governatore, che ha “donato” a New York il triste primato di città “capitale del mondo dell’aborto”.

In un’intervista a Fox News il cardinale ha affermato che Cuomo ha probabilmente deciso di astenersi dall’accedere alla Comunione.

Nella sua lettera, il vescovo. Daly ha spiegato che il canone 915 del Codice di Diritto Canonico stabilisce che i cattolici che “ostinatamente perseverano in peccato grave non dovrebbero essere ammessi alla Santa Comunione” , ma non ha fatto riferimento alla pena di scomunica richiesto da alcuni fedeli e dal vescovo ausiliare di Phoenix, il vescovo Eduardo Nevares.

“Mi sento in dovere di alzare la voce e chiedere al cardinale Dolan e tutti i vescovi cattolici di scomunicare i cattolici e tutti i governatori politici cattolici che promuovono l’uccisione di neonati, un male orribile, una pratica demoniaca”, ha scritto Mons. Nevares sul suo account Twitter.

Un portavoce della diocesi di Spokane ha detto all’agenzia Cna che “è importante capire che la fede cattolica e la difesa pubblica dell’aborto sono incompatibili”. Una persona che cerca di riconciliare entrambe le cose “dovrebbe astenersi dal ricevere la santa comunione”, ha aggiunto.

Alla fine della sua lettera, Mons. Daly chiesto ai fedeli di “rivolgersi al Signore in preghiera per i nostri leader politici, in particolare affidandoli all’intercessione di san Tommaso Moro, un dipendente pubblico che ha preferito morire per mano delle autorità civili piuttosto che abbandonare Cristo e la sua Chiesa”. “Preghiamo anche per i non nati e per tutte le donne incinte”, ha concluso.

2 Commenti

  1. Andrea
  2. don giorgio de capitani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *