Vescovo esorcizza città colombiana vittima di numerosi atti violenti

Un vescovo colombiano ha esorcizzato un’intera città, offrendo preghiere a Dio per eliminare dall’area ogni infestazione demoniaca.

Mons. Rubén Darío Jaramillo Montoya, il vescovo di Buenaventura, è preoccupato dal fatto che la sua città è assediata dalla violenza, dal contrabbando di droga e dalla povertà. Alla radio locale ha spiegato: “Dobbiamo cacciare il diavolo da Buenaventura, per vedere se possiamo ripristinare la pace e la tranquillità che la nostra città ha perso a causa di tanti crimini, atti di corruzione e con così tanto male e traffico di droga che invade il nostro porto”.

“Dobbiamo esorcizzare l’intera Buenaventura e allontanare tutti quei demoni che stanno distruggendo il nostro porto. Dobbiamo cercare la benedizione di Dio e ci dobbiamo sbarazzare di tutto la malvagità che è nelle nostre strade”.

Buenaventura, sulla costa pacifica della Colombia, è stato nominata la città più violenta del paese sudamericano nel 2014. Secondo la Human Rights Watch, “molti quartieri della città sono dominati da potenti gruppi criminali che commettono abusi diffusi, tra cui rapire e smembrare persone, a volte mentre sono ancora vive, per poi gettarle in mare”. I gruppi gestiscono case “de pique”, dove macellano le vittime.

I media locali hanno riferito di 51 omicidi in città nei primi cinque mesi di quest’anno, 20 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Per questo motivo monsignor Ruben Dario Jaramillo ha benedetto la città sabato 13 luglio.

Il vescovo ha fatto un giro della città a bordo di un camion dei pompieri, accompagnato da altri veicoli, per benedire l’intero popolo di Buenaventura e allontanare Satana e gli altri demoni.

“Vieni, con tutto il desiderio del nostro cuore, versare acqua santa, acqua dal cielo. Dove prima si versava il sangue, vogliamo che l’acqua venga versata dall’alto, per portare conforto, per portare pace e per portare armonia tra tutti “, ha detto il Vescovo Jaramillo durante la preghiera. «Benedici, Signore, la nostra città di Buenaventura. Noi vogliamo costruire una città, un porto, una comunità in pace, fermando la violenza e l’odio, il risentimento e la morte. Vogliamo seminare speranza e insieme ricostruire Bonaventura, di cui la Colombia ha bisogno e che tutti noi vogliamo”, ha sottolineato il vescovo.

A metà giugno, il Prelato aveva dichiarato all’agenzia vaticana Fides che oltre ai morti “ci sono molte persone che scompaiono. E spesso queste scomparse non sono segnalate. Il problema è che non c’è ancora cultura della denuncia perché c’è paura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.