I vescovi dello Zambia: “Orge tra minori segno del decadimento morale”

“La Chiesa cattolica è preoccupata per il decadimento morale che ha inghiottito diversi ragazzi e ragazze, come dimostrato dai giovani coinvolti in attività immorali, come orge a base di alcool e sesso, a Lusaka e a Livingstone” afferma p. Winfield Kunda, Direttore della Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale dello Zambia (Zambia Conference of Catholic Bishops –ZCCB) in una dichiarazione sulla scoperta, il 3 settembre, di un “sex party” in un’abitazione nei pressi di Lusaka al quale hanno partecipato circa 70 adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni.

Si tratta dell’ultimo di una serie di episodi simili accaduti di recente nella capitale, Lusaka, e a Livingstone.
“La diffusione di questi atti se non viene interrotta completamente e fermata, rischia di far esplodere la situazione. Lascia ognuno di noi sconcertati su quale genere di famiglia questi ragazzi potranno realizzare in futuro e di conseguenza su quello che diverrà la nostra nazione” continua p. Kunda. Oltre al rischio di gravidanze prematrimoniali, questo genere di atti accresce quello della diffusione dell’HIV/AIDS, sottolinea il portavoce della Conferenza Episcopale.

“I ragazzi che sono stati colti a commettere sesso di gruppo, non dovrebbero essere lasciati soli e dovrebbero invece venire consigliati sui pericoli di tali atti, avvertendoli che il futuro dello Zambia dipende da loro. I genitori non dovrebbero cercare di proteggerli ad ogni costo, ma devono essere pronti a lasciare che i loro figli siano instradati sul giusto cammino, aiutandoli nella formazione morale dei loro figli” conclude p. Kunda. (Agenzia Fides)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *