Usa, sindacato insegnanti diventa braccio ideologico della sinistra per l’aborto

Negli Stati  Uniti il sindacato degli insegnanti è diventato un braccio della sinistra per i diritti all’aborto.

“Ricordi quando i sindacati erano soliti lottare per salari più alti e migliori condizioni di lavoro?”, ha chiesto provocatoriamente Usa Today. “Oggi sembrano più interessati a promuovere un’agenda politica che gli interessi dei loro membri”.

L’ultimo di una serie di balzi a sinistra dei sindacati americani è arrivato la scorsa settimana con l’approvazione integrale dell’aborto da parte della National Education Association.

I delegati alla conferenza annuale del sindacato hanno approvato un argomento in cui si afferma che “la NEA si oppone vigorosamente a tutti gli attacchi al diritto di scelta e si regge sul diritto fondamentale all’aborto sotto Roe v. Wade”.

Recentemente un sondaggio di Heritage Action for America ha mostrato che gli americani di tutto lo spettro politico non amano posizioni così radicali.

Il 54% degli elettori concorda sul fatto che l’aborto dovrebbe essere illegale nella maggior parte o in tutti i casi; solo il 18% ritiene che l’aborto dovrebbe essere consentito in tutti i casi.

Anche un recente sondaggio Gallup mostra risultati simili: il 60% degli adulti americani ha risposto che l’aborto dovrebbe essere illegale in tutte le circostanze o legale in poche circostanze, mentre solo un quarto ritiene che l’aborto dovrebbe essere legale in tutti i casi.

Chiaramente, la stragrande maggioranza degli americani non sostiene un “diritto fondamentale all’aborto”. Ma la più grande associazione educativa della nazione ha deciso di opporsi alle loro opinioni.

Quanto sono politicizzate e partigiane le organizzazioni degli insegnanti americani di oggi?

Per rispondere a questa domanda basta seguire i soldi.

Dal 1990, la NEA e la Federazione americana degli insegnanti hanno versato oltre 140 milioni di dollari in contributi politici diretti. Oltre il 97% di questo è andato ai liberal, i politici che più si battono per l’agenda omosessualista, per quella contro la vita del nascituro e per ogni altra forma di abominio che, invece, la Chiesa Cattolica americana combatte duramente. Non a caso i cattolici hanno subito un’imponente caccia agli untori attraverso la facile accusa di pedofilia che è stata sollevata sui chierici, accuse che si sono mostrate fondate sono per una minoranza di sacerdoti coinvolti, peraltro nella quasi maggioranza dei casi con orientamento omosessuale.

 

ANGELICA LA ROSA

Una risposta

  1. Avatar Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.