Un “ristorante del cuore” nella basilica di Sant’Eustachio a Roma

“La nostra non è una mensa, ma un ristorante del cuore”. lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato Monsignor Pietro Sigurani, Rettore della Basilica Sant’ Eustachio al Campo Marzio di Roma. Come è ormai noto, da tempo il sacerdote con una squadra di volontari organizza nella chiesa romana a mezzogiorno il pranzo per i bisognosi.

Don Pietro, da che cosa nasce l’ idea di questa mensa?

” Alt. La nostra non è una mensa, ma un ristorante del cuore. Serviamo noi a tavola gli indigenti e diamo loro, quando è possibile, persino un dolcetto alla fine del pasto. Non vi sono le code o le resse tipiche delle mense”.

Qualche suo confratello, tuttavia, storce il naso davanti a queste iniziative e afferma che la chiesa è destinata, col rito della dedicazione, al culto a Dio e non a far da ristorante…

” Ricordo che il Vangelo impone il dare da mangiare a chi ha fame, questa è un’ applicazione quanto mai concreta e reale del Vangelo. Certo, se esiste un altro locale per fare da ristorante, ben venga. Ma dove non esiste,  come da noi, dove vado? Credo, infine, che la massima e vera forma di lode a Dio sia il servizio ai poveri e ai fratelli nel bisogno e nella difficoltà”.

Vengono italiani?

” Certo, non solo extracomunitari, ma tanti connazionali colpiti e travolti dalla crisi economica che non guarda in faccia a nessuno. Lo vediamo tutti i giorni, a dispetto di chi, nella politica a  al governo ha detto  e promesso di sconfiggere la povertà”.

Immigrazione, un problema?

” Indubbiamente è un problema, ma non è il problema più grave, la reale emergenza. La verità è che il Governo, molto abile nella comunicazione, vuole nascondere dietro il tema migratorio, ben altri lati negativi e le irrisolte e forse aggravate  situazioni negative dell’ Italia. Come si dice a Roma, la butta in caciara”.

Possiamo fare entrare tutti in Italia?

” La politica su questo punto ha il dovere di fare leggi chiare e precise, ma soprattutto abolire la Bossi- Fini”.

Che cosa pensa della comandante Carola?

” Ha fatto quello che ogni persona di buon senso e di cuore avrebbe fatto. Non è pensabile lasciare in mare per tanto tempo della gente. Anzi, doveva muoversi persino prima. Per me ha fatto benissimo”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.