Trump riceve alla Casa Bianca sopravvissuti all’aborto e attivisti pro-vita

Il presidente americano, il repubblicano Donald Trump, ha ricevuto alla Casa Bianca Melissa Ohden, una donna sopravvissuta a un aborto tardivo , un bambino di 6 anni di nome Micah Pickering, nato a 22 settimane e altri sopravvissuti all’aborto e attivisti pro-life.

All’incontro erano presenti il dottor Alveda King, nipote del celebre Martin Luther King, Jr., l’attivista pro-life Christina Marie Bennett, e altri sostenitori pro-life e dei diritti delle persone portatrici di sindrome di Down.

Trump ha anche partecipato a una conferenza telefonica con i difensori della vita. Ha fatto riferimento al discorso sullo Stato dell’Unione in cui ha condannato non solo la nuova legge di New York che espande l’aborto fino alla nascita, ma anche al governatore della Virginia Ralph Northam, il democratico che ha promosso l’infanticidio dei neonati durante un’intervista radiofonica.

Melissa Ohden sopravvisse a un aborto tardivo quando sua madre era incinta di 7 mesi. Più tardi, Ohden scoprì che sua madre, che era stata costretta ad abortire, si pentì profondamente di non aver fatto nulla per salvare la vita del suo bambino.

“Posso dirvi si che nel nostro incontro privato con Trump lui era caldo, divertente, genuino, e sì, era interessato su alcune cose, compresa la situazione in materia di protezione della vita “, ha scritto su Facebook Ohden del suo incontro con Trump.

“E ‘stato un momento storico, questo è solo il primo passo per i sopravvissuti agli aborti che aspettano di essere riconosciuti, inclusi e sostenuti, sia dall’amministrazione Trump che dalla mondo della cultura in generale”.

“Ci sono molte storie come la mia”, ha detto Ohden a LifeSiteNews in una recente intervista. “Non stiamo parlando di casi ipotetici. Non stiamo parlando di circostanze ambigue. Stiamo parlando di esseri umani”.

“Con compassione e fiducia, il presidente Trump ha parlato a migliaia di americani dello Studio Ovale. “Grazie mille. Voglio ringraziare tutte le migliaia di persone a favore della vita e anche i leader pro-vita, i pastori, le famiglie e i militanti per l’adesione a questa chiamata e vi invito a lavorare con amore e devozione per costruire una cultura che valorizza la vita umana” ha detto Trump. Il dottor King ha ringraziato il presidente Trump per “la sua ultima azione a favore della vita, per far brillare la luce e la speranza per i bambini non ancora nati e per coloro che sono ingiustamente legati in altre situazioni di debolezza”.

“È stato confortante e incoraggiante che il presidente e lo staff della Casa Bianca ci trattassero con rispetto e gentilezza”, ha detto Bennett a LifeSiteNews. E’ meraviglioso sapere che il presidente Trump crede che la nostra causa è degna e che le nostre storie meritano di essere ascoltate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.