Toni Brandi (ProVita): “La Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio è una ipocrisia”

Il 10 settembre si celebra la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio. Ma per Toni Brandi (ProVita Onlus) “si celebra la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, da un lato, e si incoraggiano i malati e gli anziani a togliersi di mezzo con il testamento biologico dall’altro”.

“È una celebrazione ipocrita – secondo Brandi, presidente di ProVita Onlus –  in una società dove si celebra e si promuove il suicidio assistito e l’eutanasia attraverso il biotestamento, o Dat, o “disposizioni anticipate di trattamento” che dir si voglia”.

“La legalizzazione dell’eutanasia – sotto forma di suicidio assistito tramite biotestamento – comporta un incremento preoccupante dei suicidi in genere”, aggiunge. “Basterebbe il buon senso per capirlo, ma la cosa è anche suffragata, per esempio, dai dati raccolti in Oregon , dove il suicidio assistito è stato legalizzato alla fine del 1997: nel 2007, il tasso dei suicidi ‘ordinari’ era del 35% superiore alla media nazionale; nel 2014 la percentuale di suicidi in Oregon era del 43.1% superiore al resto degli Stati Uniti”.

Tutti sanno che il suicidio è contagioso (cd. “effetto Werther”) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato delle linee guida per i media che riportano notizie di suicidi, proprio per prevenire l’effetto Werther: non devono descrivere nel dettaglio il metodo del suicidio, non devono usare titoli o immagini drammatiche e non devono “sensazionalizzare” la morte.

“Pensiamo al battage mediatico che ha avuto la morte del povero DJ Fabo: ne hanno fatto un vero e proprio spettacolo, esattamente l’opposto rispetto alle raccomandazioni dell’Oms”, prosegue Brandi.

E si chiede: “Dai dati Istat risulta che tra il 1995 e il 2015 il numero di suicidi in Italia è andato diminuendo: manterremo questo trend positivo ora che con la legge sulle Dat è stata legalizzata l’eutanasia?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *