“Together”, a San Giovanni Rotondo un festival sulla fede

Si terrà a San Giovanni Rotondo, dal 16 al 18 novembre prossimi, il primo festival di cultura cattolica dal titolo ” Together”, che contempla conferenze, spettacoli, work shop ed ovviamente, preghiera. L’ evento si svolgerà presso il convento dei Cappuccini con il loro patrocinio ed è organizzato dall’associazione “Ingannevole come l’amore”.

Tale sodalizio, è nato dalla brillante intuizione dei coniugi Mimmo e Cinzia Armiento di Mafredonia e si occupa di temi di stringente attualità come la promozione della famiglia, la nuzialità,lo sviluppo umano. Tiene corsi per coppie di fidanzati ( ingannevole basic) e per giovani ( ingannevole young). Inoltre, sta ottenendo successo l’iniziativa delle dodici cene, incontri conviviali e di preghiera per dicutere  di tali temi in ottica cristiana. E veniamo al festival di San Giovanni Rotondo del 16 –  18 Novembre. Ce lo illustra la segretaria organizzativa dell’ evento Paola Mastropasqua.

Mastropasqua, che cosa è esattamente questo festival?

” E’ un momento di riflessione su argomenti delicati ed anche molto seri, come appunto la famiglia, la nuzialità, la genitorialità, sapendo trovare un giusto ritmo e percorso di vita”.

Lo fate col patrocinio e la collaborazione dei Cappuccini…

” Li ringraziamo e siamo felici di questo. Intendiamo fare capire ai partecipanti che tutto è mosso da ritmo ed armonia, anche nelle relazioni personali e nella famiglia”.

Come si svolgeranno le giornate?

” Il 16 pomeriggio apertura con le procedure di accoglienza dei partecipanti, e poi un concerto”.

Il giorno dopo?

“Si entra nel vivo con i relatori che si avvicenderanno. Si parlerà di fisica, letteratura con Manuela Antonacci, terranno tesi Jamek Lodovici del Timone ed Avvenire, Michele Illiceto, Gigi De Paolo del Forum delle Famiglie, l’ imprenditore agricolo Giuseppe Savino. Ciascun partecipante potrà interagire liberamente, scegliendo un relatore di suo gradimento ed ogni relatore avrà una stanza per ricevere. Si svolgeranno anche dei work shop e laboratori”.

Quando si chiude?

” Il 18 novembre con una messa e subito dopo una lectio nella quale sarà letto e commentato un brano biblico sui temi trattati. Il corso ha una bella finalità motivazionale”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *