Stati Uniti: i giovani cattolici lasciano la Chiesa molto meno dei protestanti

Negli Stati Uniti due adolescenti su tre che fanno parte dei vari gruppi protestanti lasciano la loro chiesa poco dopo aver raggiunto la maggiore età. Il 90% dei giovani cattolici, invece, mantiene le proprie convinzioni religiose.

Lo studio è stato condotto da LifeWay Research, un’iniziativa evangelica a Nashville, nel Tennessee, dedicata allo studio del rapporto tra chiese e cultura. Sono stati sentiti oltre 2.000 partecipanti, di diversa estrazione etnica, sesso, livello di istruzione e luogo di residenza.

Per lo studio sono stati confrontati i dati attuali sulla partecipazione religiosa attiva degli adolescenti tra i 13 e i 17 anni, con giovani adulti tra i 18 e i 22 anni. Sono stati anche confrontati con un sondaggio simile una decina di anni fa.

Secondo Scott McConnell, direttore esecutivo di LifeWay Research, “la realtà è che le chiese protestanti continuano a vedere le nuove generazioni allontanarsi dalla chiesa quando diventano giovani adulti”. “Al di là di ogni altro fattore esterno (…), perdono membri dall’interno”, ha detto McConnell.

Secondo i ricercatori, questa distanziazione dei giovani è costante e progressiva. All’età di 17 anni, il 69% degli adolescenti protestanti frequenta la chiesa. Ai 18, il 58%. Ai 19, il 40%. E ai 20, meno del 33%.

I cinque motivi principali che gli intervistati usano per giustificare la loro fuoriuscita da una Chiesa protestante degli Stati Uniti sono: iniziare una carriera universitaria, essere giudicati perché si frequenta la chiesa, non avere più un collegamento con il popolo della chiesa, essere in disaccordo su questioni sociali o politiche, iniziare un lavoro.

Nelle generazioni precedenti, spiega lo studio, il lavoro, gli studi e l’indipendenza personale non alienavano i giovani protestanti dalla chiesa come ora, con una generazione che dice che diventare adulti implica “un cambiamento nelle priorità personali” e, di conseguenza, “un cambiamento nelle proprie abitudini”.

Il 70% dei giovani intervistati ha affermato che allontanarsi dalla chiesa non è una decisione specifica, ma semplicemente “sostituire alcune attività con altre”. Una percentuale simile afferma di non avere piani immediati per tornare ai servizi religiosi settimanali.

Allo stesso tempo, il sondaggio ha rilevato che solo il 10% di quei giovani adulti che hanno lasciato la chiesa si identificano come cattolici. Quindi i giovani cattolici degli Stati Uniti rimangono più fedeli alla loro Chiesa. 9 adolescenti su 10 mantengono il loro legame di fede con la chiesa, dopo aver superato l’adolescenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.