Stati Uniti, anche Pence partecipa all’annuale marcia contro l’aborto

Negli Stati Uniti una grande folla, formata soprattutto da giovani, provenienti da diverse parti del paese, ha girato per le strade di Washington in occasione della Marcia per la vita 2019, per essere la voce di coloro che non hanno voce: i bambini non nati.

La marcia per la vita si tiene ogni anno vicino alla data in cui l’aborto è stato legalizzato negli Stati Uniti con la sentenza nel caso Roe v. Wade nel 1973.

All’evento ha partecipato il Vice Presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, che ha anche partecipato alla scorsa edizione della marcia. Prima di prendere la parola, Pence ha presentato un messaggio registrato del presidente Donald Trump, in cui ha ricordato l’importanza della dignità umana e la difesa del diritto alla vita delle persone.

Accompagnato dalla moglie Karen, Pence ha detto al pubblico che “siamo qui perché difendiamo la vita. Ci incontriamo qui perché difendiamo la compassione. Ci riuniamo qui perché crediamo, come hanno fatto i nostri fondatori, che tutti noi nati o non nati abbiamo ricevuto dal nostro Creatore alcuni diritti inalienabili come il diritto alla vita”.

Pence ha sottolineato che la decisione di Roe vs. Wade “ha voltato le spalle al diritto alla vita”, ma ha anche generato “un movimento nato dall’amore e dalla compassione, animato dalla fede e dalla verità, un movimento che ha conquistato cuori e menti ogni giorno”.

A questo proposito, ha ringraziato e lodato il lavoro dei centri che aiutano le donne incinte, le famiglie che adottano e “i coraggiosi uomini e donne che offrono il loro lavoro nel servizio pubblico”.

“Ti attaccheranno, chiederanno ai tuoi cuori di zittirti, ma non ascoltare quegli attacchi. Ascolta la verità”, ha incoraggiato il vicepresidente americano.

Alla marcia hanno partecipato anche diversi rappresentanti repubblicani come Chris Smith, Steve Daines, Dan Lipinski; mentre il democratico Katrina Jackson ha sottolineato che la Louisiana è lo stato più attivo negli Stati Uniti.

“Non importa se sei un democratico, un repubblicano, un bianco e nero, lottiamo tutti per la vita. Quando le persone mi chiedono, perché un democratico nero lotta per la vita? Io rispondo, ‘perché prima di tutto io sono un cristiano'”, ha detto Jackson ai partecipanti alla marcia.

Alla conclusione dell’evento, il Dr. Alveda King, nipote del famoso Martin Luther King Jr., ha guidato la preghiera finale.

Prima di iniziare la marcia, venerdì mattina, il Nunzio Apostolico negli Stati Uniti, Mons. Christophe Pierre, aveva presieduto una Messa nella Capital One Arena di Washington, dove ha assicurato ai giovani che “stanno dando un contributo rinnovamento della società americana. Il futuro di questo vasto paese è nelle mani di giovani come te che credono che gli Stati Uniti siano una nazione sotto Dio, e nessuna autorità umana ha il diritto di contestare la legge di Dio”, ha aggiunto l’arcivescovo. Il presule ha detto che Papa Francesco “è profondamente grato per questa grande testimonianza del diritto alla vita dei membri più innocenti e vulnerabili della nostra famiglia umana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *