Sacerdote nega la comunione al democratico Joe Biden per il sostegno all’aborto

 

Domenica, un sacerdote cattolico della Carolina del Sud ha negato la Santa Comunione al candidato alla presidenza Joe Biden, a causa del sostegno del candidato all’aborto legale.

Padre Robert Morey, pastore della Chiesa cattolica di Sant’Antonio nella diocesi di Charleston, nella Carolina del Sud, ha negato la Santa Comunione al candidato alla presidenza democratica Joe Biden durante la messa domenicale per il suo sostegno all’aborto legale.

“Purtroppo, domenica scorsa, ho dovuto rifiutare la Santa Comunione all’ex vicepresidente Joe Biden”, ha dichiarato Morey in una dichiarazione che ha inviato alla CNA il 28 ottobre. “La Santa Comunione significa che siamo uno con Dio, l’altro e la Chiesa. Le nostre azioni dovrebbero riflettere questo. Ogni personaggio pubblico che sostiene l’aborto si pone al di fuori dell’insegnamento della Chiesa ”, ha aggiunto il sacerdote.

Padre Morey è stato avvocato per 14 anni prima di diventare sacerdote, esercitandosi in legge nella Carolina del Nord e lavorando per sette anni presso la Environmental Protection Agency e il Dipartimento dell’energia degli Stati Uniti.

Biden, ex senatore del Delaware ed ex vicepresidente degli Stati Uniti, stava facendo una campagna elettorale nella Carolina del Sud durante il fine settimana.

Il canone 915 del codice di diritto canonico afferma: “Non siano ammessi alla sacra comunione gli scomunicati e gli interdetti, dopo l’irrogazione o la dichiarazione della pena e gli altri che ostinatamente perseverano in peccato grave manifesto”. L’allora cardinale Joseph Ratzinger scrisse un memorandum ai vescovi cattolici statunitensi nel 2004, spiegando l’applicazione della legge canonica 915 all’accoglienza della Santa Comunione.

Il memorandum affermava che “il ministro della Santa Comunione potrebbe trovarsi nella situazione in cui deve rifiutare di distribuire la Santa Comunione a qualcuno, come nel caso di una scomunica dichiarata, di un interdetto dichiarato o di una ostinata persistenza nel peccato grave manifesto”.

Il caso di un “politico cattolico” che “fa costantemente campagna elettorale e vota per l’aborto permissivo e le leggi sull’eutanasia” costituirebbe una “cooperazione formale” nel peccato grave che è “manifesto”. In tali casi, “il suo Pastore dovrebbe incontrarlo, istruendolo sull’insegnamento della Chiesa, informandolo che non deve presentarsi per la Santa Comunione fino a quando non avrà posto fine alla situazione oggettiva del peccato, e avvertendolo che altrimenti negare l’Eucaristia ”, scriveva Ratzinger. Quando l’individuo persevera nel peccato grave e si presenta ancora per la Santa Comunione, “il ministro della Santa Comunione deve rifiutarsi di distribuirlo”, diceva Ratzinger.

“Come sacerdote, è mia responsabilità prestare servizio a quelle anime affidate alle mie cure, e devo farlo anche nelle situazioni più difficili”, ha detto Morey. Pur non sostenendo il finanziamento da parte dei contribuenti all’aborto, la piattaforma della campagna di Biden cercherebbe di “codificare” la sentenza Roe v. Wade, che ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti.

A un evento di Planned Parenthood questa estate, Biden ha promesso di “eliminare tutti i cambiamenti che questo Presidente ha fatto” relativamente ai programmi di pianificazione familiare. Biden ha detto che avrebbe aumentato i finanziamenti di Planned Parenthood, il più grande fornitore di aborti della nazione.

“Terrò il signor Biden nelle mie preghiere”, ha concluso Padre Morey.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.