Riflessione poetica su “Er MedioEvo”

Er MedioEvo

 

Convinto de vive tempi moderni
ho camminato tra omini odierni
conquistata libbertà d’espressione
ero pronto a usalla a l’occasione

Dopo tanti anni l’omo era riuscito
ha da ar popolo er potere e veto
dibbattiti su stili e lotta de classe
e granni movimenti de le masse

Ma ecco da lontano ‘na figura strana
‘n omo cò tacchi a spillo e ‘na sottana
donne androgene cor pelo sur petto
che sbraitano frasi e odio pè rigetto

Poi de improvviso me sento accusato
“retrograda, medioevale, nemico de lo stato”
sortanto perché c’ho ‘n diverso pensiero
e vorebbe percore libbero er mio sentiero

Mo’ io sò ignorante e nun sò studiato
ma vojo informamme sur tempo passato
digito “MedioEvo” e così inizio er giro
cò la capoccia immaggino ‘n tetro muro

Poi me se apre ‘n monno meravijoso
de dame e cavajeri d’animo coraggioso
de codici d’onore pè protegge l’oppresso
dorce stil nôvo che fà madonne l’artro sesso

De meravije costruite pè appagà la vista
de geni projettati a nôva conquista
poeti che volgarmente hanno lassato segno
e l’Europa che c’aveva de Cristo er disegno

Monachesimo che c’ha dato storici scritti
ospedali pè li pellegrini e primi medici dotti
scambi de spada e de merce cor nemico
er monno fioriva e dava senso a l’antico

Sicuro, puro a quer tempo c’erano casini
nun me pare che mò a perfezione semo vicini
oggi me accusano de nôva inquisizione
ma c’hanno loro de Torquemada stessa azione

Vorebbero da foco a tutti come Angiolieri
o riscrive Commedia infernale come Alighieri
infonno si, io me sento ‘n vero medioevale
perchè pjo le difese der debbole come ‘n cavajere

Si la gente nun se fermasse a l’apparenza
troverebbe materia pè riflessione de coscienza
e vedrebbe der monno puro le cose belle
“L’Amor che muove er sole e l’artre stelle’

 

NeoPasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.