Propaganda Lgbt “nel nome di Dio”. Phil Lawler: “Atto gravissimo”

Il “Pride Month” è giunto al termine. E durante i primi giorni di luglio le prime letture della messa hanno raccontato la storia di Sodoma e Gomorra.

“Lo chiamerei una coincidenza, se credessi nelle coincidenze”, ha scritto il direttore di Catholic Culture Phil Lawler. “Gli eccessi grotteschi degli eventi dei ‘Gay Pride’ sono la prova che queste persone hanno bisogno di aiuto. Ma c’è un male molto più grande di qualsiasi parata del ‘Pride’”, l’attuale problema dei sacerdoti, dei prelati e dei laici cattolici che diffondono apertamente il loro supporto alla propaganda LGBT. “Ciò che rende le loro azioni serie è che lo fanno nel nome di Dio”.

“Quando i cattolici si lamentano degli attivisti dei Pride, stanno puntando all’obiettivo sbagliato. Non perché i reclami siano ingiustificati, non lo sono, ma perché abbiamo un problema più urgente da risolvere. Prima di rimpiangere ciò che sta accadendo nelle strade della città, parliamo di ciò che sta accadendo nelle nostre chiese. Noi cattolici non possiamo ripristinare la sanità mentale della società finché non avremo ristabilito l’integrità nella nostra Chiesa. Non possiamo continuare a combattere in una guerra su due fronti”.

A Hoboken, nel New Jersey, una parrocchia cattolica ha incoraggiato i membri della congregazione ad unirsi alla parata di New York. A Lexington, nel Kentucky, il vescovo John Stowe ha offerto una cartolina di preghiera per la “celebrazione dell’orgoglio”, con un crocifisso immerso in una luce color arcobaleno.

“Come possiamo donare a tutti gli insegnamenti morali cattolici, quando la Chiesa emette messaggi così confusi?”, si è chiesto Lawler. “Sfortunatamente, quegli esempi di Hoboken e Lexington non possono più essere considerati eccezionali. Se pensi che la tua diocesi sia priva di tali problemi, dovresti probabilmente ripensarci. Ci sono 1 o 2 parrocchie che ospitano e incoraggiano attivisti LGBT? Padre James Martin è venuto a parlare in una parrocchia o in un gruppo universitario? Ci sono alleanze omosessuali nelle scuole parrocchiali? Se è così, allora devi affrontare quella situazione prima di cominciare a preoccuparti degli attivisti. Devi parlare chiaramente. Dobbiamo mostrare unità a sostegno della moralità cristiana. Dobbiamo mostrare integrità quando pratichiamo ciò che predichiamo”.

Per Lawler  “c’è una guerra culturale in corso: una battaglia per l’anima della nostra società”. “La battaglia è reale e il conflitto si sta intensificando. Come candidato alla presidenza, poco più di un decennio fa, Barack Obama si è opposto al riconoscimento legale del ‘matrimonio’ tra persone dello stesso sesso. Oggi, quella posizione lo squalificherebbe come candidato democratico. Un decennio fa, uno studente avrebbe potuto vincere le risate dei suoi compagni di classe suggerendo (scherzosamente) che gli uomini biologici dovessero avere accesso legale all’aborto; Quest’anno, un candidato presidenziale democratico ha sottolineato questo punto”.

“E mentre i rivoluzionari del sesso continuano ad accumulare vittorie, la via di mezzo si sta restringendo. Chiunque osi opporsi all’agenda LGBT è soggetto alla pubblica denuncia per ‘incitamento all’odio’, escluso dai social network, o addirittura molestato nella propria casa”.

“La domanda corretta che dobbiamo porci prima a te stesso, poi al tuo pastore e al tuo vescovo e ai tuoi amici cattolici è: da che parte stai?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.