Pratiche sataniche contro Trump, gli esorcisti americani: “Sono pericolose”

Alcuni esorcisti americano hanno messo in guardia circa i pericoli delle pratiche sataniche Wicca che sono state lanciate per colpire il presidente USA Donald Trump. “Dovrebbero rendersi conto che non possiamo usare il diavolo; è il diavolo ad usarci. La gente non può controllarlo e il diavolo finisce lui per utilizzarci per i suoi scopi”, dicono gli esorcisti riferendosi alle streghe americane che stanno offrendo una soluzione per coloro che dicono Donald Trump non è il loro presidente: un incantesimo su di lui attraverso un evento pianificato mensilmente che ha avuto inizio lo scorso venerdì 23 febbraio, allo scoccare della mezzanotte (ora di New York). La finalità è spodestare Trump dalla carica di Presidente attraverso incantesimo di massa fatti invocando il demonio. Il piano delle streghe americane è quello di continuare ogni sera di un calante luna fino a quando il magnate non sarà più il Presidente.

Gli organizzatori hanno pure predisposto una pagina di Facebook e hanno pubblicizzato su Internet tutto il necessario per praticare gli incantesimi. Padre Vincent Lampert, esorcista dell’arcidiocesi di Indianapolis dal 2005, ha ricordato che nella Bibbia “la stregoneria è condannata come detestabile a Dio”. Secondo padre Lampert “il risultato finale di tutto questo per quella gente sarà quello di trovarsi più profondamente impigliato con il diavolo” perché “le loro vite continueranno a finire fuori controllo, perché non sono ancorate a Dio”.

Monsignor John Esseff, esorcista della diocesi di Scranton, in Pennsylvania, dice che l’incantesimo non è da temere per chi ha “fiducia e speranza in Dio”. “La Madonna di Fatima ci ha dato la chiave per affrontare questo: aumentare la preghiera e la riparazione. Sempre a Fatima la Madonna ci ha detto che la battaglia finale del diavolo sarà contro il matrimonio e la famiglia”.

Matteo Orlando

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *