“Perchè appare la Madonna”, l’ultimo libro di Diego Manetti

“Perché appare la Madonna” ( editrice  La Bussola)  è la suggestiva e molto stimolante ultima fatica dello scrittore e qualificato mariologo Diego Manetti. Il libro è stato commissionato dalla editoriale La Bussola che fa capo al sito ottimamente diretto da Riccardo Cascioli.

Diego Manetti, perchè questa opera?

“ Mi è stata chiesta dall’ editore e non potevo dire di no. In ogni caso, credo che sia la conferma della grande attualità e bellezza di Maria”.

Che cosa dice Maria nelle sue numerose apparizioni?

“ Ogni apparizione ha la sua connotazione. Io indago il perché, legato al contenuto. Siamo alla vigilia di cambiamenti epocali, sia per il mondo, che per la Chiesa e regna dappertutto una certa confusione. Maria ci richiama con affetto di mamma, ma altrettanta energia, alla conversione. E’ una costante nelle apparizioni”.

Il filo rosso, è la conversione…

“ Esattamente. Non vada però letto in chiave di paura o di allarmismo. Maria è una madre e come tale, ammonisce per il bene lasciando liberi di scegliere. Penso a Medjugorje, anche in queste apparizioni Maria lancia lo stesso avviso. La sua è come l’ ultima chiamata all’ aeroporto prima di imbarcarsi”.

E’ attuale la figura di Maria?

“ Molto. In un mondo che rischia seriamente la distruzione, Maria col suo messaggio, cerca di rimettere le cose al loro posto. Uno dei grandi temi sui quali non possiamo tacere è l’ apostasia dilagante e la perdita progressiva della fede. Maria ci invita ed incita a cambiare rotta”.

Messaggio di speranza?

“ E’ un messaggio di grande fiducia e direi di speranza. Non bisogna avere paura. Maria ci ama e ci vuole bene, il suo scopo è quello di portarci al Figlio”.

Libro ottimista o pessimista?

“ Ottimista, ma con la forza della ragione. Possiamo dire che è un testo preoccupato della situazione generale, ma bisogna sempre avere e nutrire speranza. Maria ci indica il Cielo con i piedi in terra”.

Messori fa notare che le parrocchie vuote mentre, santuari mariani pieni, come si spiega?

“La mariologia ufficiale, quella dei dotti, spesso è in crisi. Tuttavia esiste una parallela mariologia, quella dei semplici, del popolo, della devozione diffusa che fa sentire la sua voce e lo riscontriamo nei santuari. Insomma, questo sentimento popolare spesso contrasta con l’ atteggiamento dei dotti e di qualche teologo”.

Bruno Volpe

Una risposta

  1. paola liberotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *