Notre Dame, salvato il Santissimo Sacramento e le reliquie

Il parroco della cattedrale di Notre Dame ha annunciato ieri che sono riusciti a salvare la cosa più importante dalla cattedrale bruciata: il Santissimo Sacramento dall’altare e le reliquie.

Mentre i francesi stavano pregando attorno alla Cattedrale, il cappellano dei vigili del fuoco è entrato per salvare le Ostie consacrate, la Corona di Spine e altre reliquie.

Queste sono alcune delle opere d’arte religiosa più preziose della Cattedrale di Notre Dame. Non si sa ancora quante di esse siano sopravvissute all’incendio.

Pietà di Nicolas Coustou, una scultura realizzata nel XVIII secolo.

L’organo, di Aristide Cavaillé-Coll, uno dei più importanti produttori di organi del diciannovesimo secolo.

La Vergine di Parigi con il Bambino Gesù. Questa statua è conosciuta come la Vergine di Parigi ed è la più nota delle trentasette rappresentazioni della Vergine che ospita la cattedrale. Scolpito nella metà del XIV secolo, proviene dalla cappella di Saint Aignan nell’antico Chiostro dei Canyon.

Les Grand Mays, cioè i grandi dipinti accompagnati da poesie in onore della Vergine. Inizialmente erano 66 poi erano rimasti una cinquantina di dipinti, e solo tredici erano esposti al pubblico. Tra questi, la Discesa dello Spirito Santo (1634) di Jacques Blanchard, San Pietro che guarisce gli ammalati con la sua ombra (1635) e La conversione di San Paolo (1637) di Laurent de la Hyre.

Il rosone è una finestra. Nella cattedrale di Notre Dame ce ne sono diverse e, secondo alcuni specialisti, sono uno dei più grandi capolavori del cristianesimo. Il rosone del lato sud, progettato da Jean de Chelles e Pierre de Montreuil, è stato costruito nel 1260 come contrappunto alla finestra del Rosone del nord, del 1250.

San Tommaso d’Aquino, di Antoine Nicolas, risalente al 1648.  Apparteneva alla comunità dei Domenicani di Saint-Maur-des-Fausses, che è stata fondata nel Langres nel 1621. Era stata donata alla Cattedrale di Notre Dame nel 1974, in occasione del settimo centenario della morte di San Tommaso.

In piedi sul molo del portale del Giudizio Universale, c’è una delle opere più notevoli di Adolphe-Victor Geoffroy-Dechaume. È il bellissimo Dio di Notre Dame realizzato nel XIX secolo. È un Cristo umanizzato molte volte restaurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.