Monsignor Wagner: “Il Papa non pratica il dialogo”

“Per il bene della Chiesa, Papa Francesco dia spiegazioni e risposte sul caso del nunzio Viganò”: lo dichiara in questa intervista  che ci ha concesso Monsignor Gerhard Wagner, austriaco di Linz, già nominato vescovo ausiliare da Benedetto XVI e subito dopo dimissionario.

Monsignor Wagner, cosa pensa del caso Viganò?

“Sono sconcertato e disorientato, come tanti altri confratelli. Penso che il Papa, per il bene della Chiesa,  faccia bene a dare spiegazioni e risposte sul caso del nunzio Viganò, dica che cosa  è successo. Quelle undici pagine sono ricche di dati, notizie, nomi e spunti. Non è pensabile far finta di niente o  ritenere sia solo rancore”.

Qualcosa in comune con i Dubia?

” In un certo senso direi di sì, anche allora il Papa non ha risposto direttamente  ai cardinali, ma ci hanno pensato altri. Le aggiungo, che io reputo Monsignor Viganò persona seria e crretta, gli credo, non ritengo che sia mosso da ragioni cattive o rancori. Inoltre, le motivazioni del gesto, se vogliamo essere precisi, interessano poco”.

Cioè?

“Ho letto tanti,  specie nei media, che denigrano monsignor Viganò con ogni sorta di aggressione personale. A me, da uomo di Chiesa, non importano le ragioni  che hanno spinto Viganò, ma se quelle cose sono vere o false. A me interessano la verità e la chiarezza.”.

Che cosa dimostra?

“Che come dicevo altre volte, oggi la Chiesa è in confusione dottrinale, pastorale ed anche morale e che i problemi sono grossi e seri. Inutile, ed è sbagliato fare finta di nulla, ci sono tanti preti e vescovi disorientati e poco contenti. Magari non esprimono apertamente questo dissenso, ma ci sono. Una situazione difficile. Ecco perchè il Papa, da pastore universale, farebbe bene a precisare”.

Lei sostiene che certi atteggiamenti papali sono dettati dalla sua origine sudamericana…

” Certo. Penso che assuma queste condotte a causa della sua mentalità latinoamericana e il suo stile di concepire il comando. Io sono il Papa e basta, decido tutto io, un modo molto diverso da Benedetto XVI. E qui siamo alla contraddizione. Tante volte il Papa invita al dialogo, al confronto e lo dice. Ma quando si tratta di mettere in pratica tali cose, non lo fa o fa il contrario”.

E allora?

” Da uomo di Chiesa invoco chiarezza  e prego per il Papa”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *