Mons. Reyes Sequera: “portiamo in Amazzonia molti preti che vivono a Roma…”

 

Un vescovo venezuelano, che partecipa al Sinodo per l’Amazzonia, ha suggerito, invece di ordinare uomini sposati per rimpiazzare la mancanza di sacerdoti nell’Amazzonia, di inviare in quei territori  molti di quei sacerdoti che si vedono per le strade di Roma.

“Tutti questi sacerdoti e religiosi che vediamo in televisione … Non può essere che tutti stiano studiando a Roma” , ha detto il vescovo Johnny Eduardo Reyes Sequera, vicario apostolico di Puerto Ayacucho, in Venezuela.

“L’attuale distribuzione di sacerdoti e religiosi non è buona” , ha detto il prelato. In tutto il mondo, i due terzi degli 1,3 miliardi di cattolici nel mondo vivono oggi nell’emisfero meridionale, ma i due terzi dei 415.000 sacerdoti cattolici nel mondo vivono nell’emisfero settentrionale.

Mons. Reyes ha insistito sul fatto che la creazione di nuovi ministeri, incluso un nuovo tipo di sacerdozio per gli uomini sposati, non è la principale sfida del Sinodo. Più importante, ha sostenuto, è la questione dell’annuncio del Vangelo.

“Non vedo un bisogno sacramentale, ma un bisogno per il primo annuncio” , ha detto.

“Non vedo un senso di appartenenza alla Chiesa da parte di molti indigeni, poiché parlano della Chiesa come un’istituzione estranea a loro. C’è bisogno di appartenere”.

La necessità del primo annuncio, ha affermato, va oltre l’Amazzonia e gli indios, ed è anche molto necessaria in Europa e in altri continenti.

“Le persone non vanno a messa. Il problema della [mancanza] di fede è universale … Dobbiamo fare qualcosa al riguardo, ovunque”.

Le sue parole sono arrivate durante un evento a Roma dal titolo “Sulla strada del Sinodo, testimoni e martiri della fede in Amazzonia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.