Il miracolo della cappella che non è andata a fuoco durante gli incendi in Grecia

“La chiesa era l’unico posto che non ha preso fuoco. Siamo vivi per miracolo. Tutto il resto è distrutto “, spiega la religiosa della Grecia Efremia.

Con il cielo coperto, circondato da un inferno di fiamme, un gruppo religioso è stato salvato nella chiesa del Monastero della Santissima Trinità. Il gruppo, che non voleva essere evacuato, era composto da un prete ortodosso, sua moglie e tre suore che si prendono cura di un asilo con una dozzina di anziani e un orfanotrofio con 65 bambini, molti dei quali erano in spiaggia. I vigili del fuoco hanno evacuato una dozzina di bambini, anziani e la maggior parte delle suore in un autobus. Fortunatamente, sono fuggiti in tempo: l’autobus ha lasciato le fiamme e cinque minuti dopo la strada è stata bloccata. Qui, in cima alla montagna del Neos Voutzas, a 30 chilometri dalla capitale della Grecia Atene, nella foresta dove è immerso il monastero, è iniziato l’inferno.

La monaca Efremia dice che “tutte le celle sono state distrutte”. Solo la chiesa dove stavano pregando i Vespri e le piante che adornano la cappella sono rimaste intatte. “Quando siamo nelle mani di Dio, non si ha mai paura. Questo è stato un miracolo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *