“Il mio amico padre Pio”: un nuovo libro sul santo di Pietrelcina

“Il mio amico Padre Pio- Diario di trent’anni vissuti col Santo di Pietrelcina” (edizioni Rizzoli Bur): si chiama così l’ opera scritta da Giovanni Siena, insegnante e grande conoscitore di Padre Pio, deceduto nel 2015. Si tratta di una originale raccolta di ricordi personali e di appunti, curati e messi insieme, molto bene e con estrema attenzione, da suo figlio, il giornalista Giulio Siena, attuale direttore dell’ Ufficio Comunicazioni di Casa Sollievo della Sofferenza. Il volume, di grande attualità, specialmente dopo la celebrazione dei 50 anni dalla morte del santo, riporta con notevole vivacità, ricordi personali, e permette di apprezzare ulteriormente l’ esperienza terrena e il bagaglio di spiritualità di Padre Pio. Nelle pagine si legge della ormai famosa lotta, anche fisica ,col demonio e della effusione di profumo. Inoltre, il volume contiene riferimenti storici degni di nota, come l’ occupazione di Foggia del 44 e persino una inedita confessione del Presidente emerito della Repubblica Giovanni Leone. In poche parole, un  eccellente libro da leggere con attenzione e tutto di un fiato. Abbiamo intervistato Giluio Siena, il curatore e figlio dell’ autore.

Giulio Siena, da che cosa sgorga quel titolo?

” Come noto, i titoli li decidono gli editori. In ogni caso, lo trovo molto aderente al contenuto e a quello che vi è scritto. Rispecchia quanto mio padre ha inteso dire e che io ho ordinato e curato”.

Quale è l’eredità spirituale di Padre Pio?

“Ho potuto anche io rendermene conto, sia pur meno di mio padre. Direi essenzialmente: preghiera, misericordia, amore verso Dio , i fratelli e obbedienza alla Chiesa che lui ha sempre amato, madre e maestra”.

Lei dirige l’ Ufficio Comunicazioni dell’ ospedale voluto da Padre Pio. Da cosa nasce questo progetto?

” Dal suo grande cuore e dall’amore per i sofferenti nel corpo e nell’anima, specie se poveri. Padre Pio, profeticamente, si rese conto che in loco mancava una struttura sanitaria e che assieme a questa, era necessaria un’ attività di ricerca”.

L’ Ospedale è anche sede dei  Gruppi di Preghiera di Padre Pio…

“Infatti i Gruppi sono dentro la clinica. Anche questo fa parte della sua lungimiranza e della misericordia del santo che nutriva un grande raporto col trascendente, tuttavia era anche persona molto, ma molto concreta con i piedi in terra”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.