Martina Purdy, da corrispondente politica della BBC a suora cattolica

Quella che segue è una riflessione (tradotta dall’inglese) per la Settimana Santa scritta da Suor Martina Purdy, che racconta come ha deciso di abbandonare il giornalismo per abbracciare la vita religiosa.

***

Nell’ottobre 2014, ho lasciato tutto per seguire Gesù, incluso il mio lavoro come corrispondente politico della BBC a Belfast. Quando ho detto al capo delle notizie che stavo per lasciare è rimasto di stucco. Quando dissi che stavo per entrare in un convento, i suoi occhi si spalancarono e la sua mascella si spalancò. Quando si riprese, iniziò a prendere accordi: “Faremo l’annuncio venerdì alle 3”. Cosa?, avevo risposto, scoppiando di gioia. “E’ l’ora della misericordia, l’ora che Gesù è morto per una nuova vita, è incredibile che tu abbia scelto quell’ora! Non pensi che sia sorprendente?”. Il mio capo non sembrava condividere il mio stupore.

Molte volte ho riflettuto sul mio incredibile viaggio dalla Broadcasting House al Convento dell’Adorazione a Belfast. In effetti, la BBC, dove le decisioni sono “riferite”, è un buon allenamento per la vita religiosa. Invece di cercare il permesso di un editore, ho cercato un altro Superiore. All’inizio avevo bisogno del permesso per tutto!

La gente immagina che la vita del convento sia piuttosto serena, forse un po ‘noiosa, ma in realtà è una grande avventura. Stavo incontrando nuove persone, ascoltando le loro storie e affrontando le scadenze tutte le volte, proprio come nella redazione.

La prima scadenza – poco prima delle 7 – è l’ufficio del mattino e l’adorazione nella nostra cappella. Poi alle 8 di mattina c’è la colazione: tè, caffè e biscotti.

Nel negozio accanto, dove vado a prendere i baps, c’è la possibilità di scansionare i titoli dei giornali, non per cercare una storia, ma per leggere di qualcuno che è nei guai e per pregare per lui. Spesso è qualche politico!

Una delle cose particolari per me è stata la colazione in silenzio. La Superiora mi aveva assicurato che mi ci sarei abituata e l’avrei persino accolta. Aveva ragione.

Il mio lavoro è cambiato radicalmente. Non correvo più a Stormont alla ricerca di una storia. Adesso aiutavo con il pane sull’altare, a disporre i fiori dell’altare, a passare l’aspirapolvere o a cucinare. Preparare un pasto per otto persone, compreso il nostro cappellano, era per me più spaventoso di maneggiare una telecamera dal vivo e di raccontare una storia.

Grazie al potere della preghiera le mie abilità culinarie sono notevolmente migliorate!

La scadenza del mezzogiorno per le notizie è stata sostituita dalla preghiera di mezzogiorno e dalla Messa, dove potevo fare una lettura. È molto meglio che annunciare un altro stallo politico o ascoltare un’intervista. Adesso le citazioni sono di Isaia, o dei Vangeli e sono memorabili. Dopo la Messa quotidiana, il pranzo è seguito dal lavare i piatti e da un pomeriggio di lavoro, da letture spirituale o dallo studio, più un’ora libera per una passeggiata o un po’ di riposo.

La parte più impegnativa della mia giornata era tra le 17 e le 18:30 quando volavo tra gli studi televisivi e radiofonici a riferire sugli eventi del giorno. In quella fascia oraria, allora stressante, al convento ho sostituito l’adorazione, il canto e la preghiera dei salmi.

Non mi riposo più con un bicchiere di vino e una pizza. Ogni sera c’è un semplice tè prima di finire le faccende quotidiane, per godermi qualche ricreazione o pregare in adorazione. A volte ho una lezione di musica (sto imparando a suonare la chitarra).

Alle 20:30 c’è il rosario e la preghiera notturna e poi il letto. E se non sono troppo stanca, leggo. All’inizio ero abbastanza esausta, e lo sono ancora a volte, ma i miei giorni volano, pieni di vita.

Se mi avessero detto più di cinque anni fa, che avrei vissuto su Falls Road, vestito con un abito marrone, a due porte dagli uffici dello Sinn Fein, dove intervistavo Gerry Adams o Martin McGuinness, avrei detto che erano pazzi, perchè per me questo era assolutamente impossibile. Ora amo citare Luca 1,37: “Nulla è impossibile a Dio”.

Una mattina, stavo andando al negozio per la colazione quando un uomo con una giacca antiproiettile, andando in bicicletta, rallentò sul marciapiede, e gridò: “Sei stata una pazza a lasciare quel lavoro alla BBC per andare lì!

Ho alzato le mani al cielo e citando Sr Elaine, ex avvocato, ho detto:” Sto vivendo il sogno! ”

La mia missione di Adoratrice è ricevere la vita di Cristo nell’Eucaristia e comunicarla agli altri. Quindi sono ancora nel business delle comunicazioni. Solo ora ringrazio Gesù ogni giorno che non devo spiegare la Brexit!

La mia vita è più difficile di prima – ed è più appagante. Uno dei motivi per cui sono diventato un giornalista era quello di cercare la verità. Oggi sono innamorata di Gesù che è la verità.

Ho avuto una posizione privilegiata alla BBC, una vita privilegiata. Ma il più grande privilegio della mia vita ora è vivere nella casa di Dio, seduto ai piedi di Gesù ogni giorno, nel suo SS. Sacramento, adorandolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.