Mario Adinolfi: “I veri sconfitti delle elezioni politiche sono i vescovi italiani”

“I veri sconfitti delle elezioni? Renzi, ma anche quei vescovi italiani suoi sostenitori ed amici, come Monsignor Galantino.” La bordata  arriva da Mario Adinolfi, Presidente del  Popolo della Famiglia.

Adinolfi,  esordio con poco più di duecentomila voto. Era lecito attendersi qualcosa di meglio?

” No e contesto questa lettura . Io mi ritengo moderatamente soddisfatto e lo ho scritto. Valuti anche che abbiamo operato in un quasi totale silenzio dei grandi media. Oggi il vero problema non è il Pdf, ma il ruolo dei cattolici  italiani in politica”.

Cioè?

” Tanti cattolici hanno scelto 5 Stelle  non capendo che è un parito  contro i valori cattolici, una vergogna. Questo  dimostra carenza di formazione politica e culturale tra i cattolici,  doti che un tempo si forgiavano proprio dentro le parrocchie. Inoltre anche i partiti del centro destra, quelli che una volta proteggevano e difendevano i principi non negoziabili, hanno accusato battute a vuoto con posizioni spesso contradditorie, veda Forza Italia”.

Chi sono i grandi sconfitti di queste elezioni?

” Certamente Renzi la cui esperienza è finita. Però, assieme a lui tanti vescovi italiani suoi amici, penso a Monsignor Galatino. Annovero anche lui tra gli sconfitti. Lui appartiene a quel novero di prelati che non appoggiarono il Family Day e fecero un colossale errore di calcolo e prospettiva politica. Però tanti vescovi ci hanno manifestato il loro appoggio e sostegno”.

Qualcuno vi ha accusati di essere troppo papisti e bergogliani…

”  Non è vero. Noi non siamo nè papisti, nè antipapisti per principio o bergogliani. Pensi che la nostra linea su jus soli ed immigrazione è antitetica a quella del Vaticano. Ma da cattolici, dobbiamo rispettare il Pontefice, segnalando anche le cose giuste che dice  e sono molte, spesso silenziate dai media quando non convengono”.

La Nuova Bussola, giornale on line cattolico, vi ha attaccati. Sorpresi dal fuoco amico?

” No. L’ intento del recente editoriale de La Nuova Bussola era ed è malevolo, cattivo nei nostri riguardi. Però, a bene leggere, alla fine  il notista viene involontariamente sulle nostre tesi e riconosce il ruolo del Pdf, cioè ci rende un favore”.

Quale?

” Viene riconosciuto quello che siamo e che vogliamo. Con i nostri voti, con la nostra percentuale, alle prossime amministrative ormai imminenti vogliamo essere determinanti sul centro- destra che spesso ha dimenticato la difesa dei principi non negoziabili. I nostro scopo sarà quello di condizionare il centro destra al rispetto di quei principi. La  Nuova Bussola sostiene che siamo irrilevanti, così non è lo vedremo alle amministrative. Ma voglio segnalare un altro caso di cattivo giornalismo, La Verità di Belpietro che non ci ha neanche citati. Magari ha cercato di aiutare, maldestramente qualche altro competitor o gli amici di Gandolfini.  Tuttavia con pessimo risultati. Anche giornalisticamente e in termini di vendite, non mi pare una grande operazione Noi come Pdf siamo moderatamente soddisfatti, certo si poteva avere di più. Ma oltre 200.000 voti signifrica l’ appoggio di di 200.000 cattolici”.

Bruno Volpe

Una risposta

  1. Avatar Domenico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.