Marco Tosatti: “La correzione filiale segno di un malessere diffuso tra i fedeli”

Due milioni di visitatori in  un anno. Ecco il bilancio, certamente positivo, del blog Stilum Curiae del noto ed autorevole vaticanista Marco Tosatti che La Fede Quotidiana ha intervistato.

Tosatti,  Stilum Curiae ha raggiunto 2000.000 di visitatori . Si aspettava esiti tanto confortanti?

” Prima di tutto ringrazio tutti quelli che hanno visitato il sito. Sono davvero molto felice e in assoluta sincerità, non avrei pensato, un anno fa,  in un riscontro tanto generoso”.

Da che cosa nasce Stilum Curiae?

”  Dalla mia professione di giornalista, anche se oggi sono in  pensione e posso prendermela più comoda. Io sono  cattolico, ma prima di ogni cosa giornalista e antepongo alle mie convinzioni il rigore della professionalità. Alla fine dei miei giorni mi verrà domandato: come hai investito i tuoi talenti? Hai fatto bene e onestamente il tuo lavoro? Sei stato corretto  nel dare le notizie? Ecco: cattolico, ma con la ferma idea di onorare il giornalismo che è una cosa bella e seria”.

Che cosa ci sta dietro Stilum Curiae?

” L’ impegno e direi  la mia passione.  Come potete vedere, mi occupo di Chiesa cattolica, ma ogni tanto scantono. Non ho finanziatori, ci metto del mio nel  mantenere il sito. Recentemente si sono fatti avanti degli interlocutori dall’estero che volevano dare pubblicità, ma ho rifiutato perchè non la ritenevo opportuna e compatibile con questo sito”.

Da dove arrivano le visite?

” Dall’Italia nella maggioranza, ma anche dall’estero e penso alla Spagna,  agli Stati Uniti, Venezuela e Polonia. Devo  moderare i commenti, lo faccio con tutti, e sin qui ne sono arrivati oltre ventimila. Li leggo tutti  per evitare insulti ed offese che non ammetto”.

Nel blog firmano Pezzo Grosso e Abate Farias. Esistono?

” Vi assicuro che esistono e  sono persone bene informate, ma neppure sotto tortura vi svelo chi sono nella realtà. In ogni caso non sono Tosatti”.

Da vaticanista esperto: cosa pensa del documento di correzione filiale arrivata al Papa?

“Mi sembra la spia di un malessere diffuso tra i fedeli che cova da tempo e in un certo qual modo i buoni risultati del sito lo confermano. Dispiace che i firmatari del testo siano dipinti come dei  tradizionalisti, con disprezzo. Per me questa è una bufala.  Si tratta di gente competente e perbene legata da sempre al corretto Magistero della Chiesa. La lettera documento è indice di un disorientamento e di uno stato di confusione ormai presenti dentro la Chiesa e allora non è giusto minimizzare la iniziativa visto che esistono  molte petizioni popolari che hanno riscosso e riscuotono molte adesioni. Stilum Curiae è nato anche come tentativo di fare una piccola breccia in un imbarazzante conformismo informativo che circonda il Papa.”

Bruno Volpe

2 Commenti

  1. Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *