L’arcidiocesi di Detroit annulla gli eventi sportivi di domenica, giorno del Signore

a

L’arcidiocesi di Detroit annulla gli eventi sportivi di domenica
Agenzia di stampa cattolica 17 maggio 2019
L’ celebra la messa nella cattedrale del Santissimo Sacramento di Detroit (CNS)
L’arcivescovo dice che le domeniche dovrebbero essere dedicate alla messa e al “tempo di famiglia senza tecnologia”

L’Arcidiocesi di Detroit, guidata dall’arcivescovo Allen Vigneron, ha annunciato che non terrà più gli eventi sportivi richiesti la domenica, nel tentativo di rifocalizzare la giornata sulla preghiera, la famiglia e il riposo.

L’arcivescovo Allen Vigneron, prendendo spunto da una sua vecchia lettera pastorale (“Unleash the Gospel”), ha pubblicato una nota pastorale sottolineando l’importanza del “Giorno del Signore”. Ha scritto che la domenica è in definitiva un momento per la fede, la famiglia e il riposo, annunciando che l’arcidiocesi non permetterà più lo svolgimento di pratiche o giochi sportivi in ​​questo giorno, e la norma riguarderà tutti gli enti e le scuole gestiti dalla Chiesa Cattolica nell’Arcidiocesi.

“La domenica è un giorno separato per il Signore, per la famiglia e per le opere di misericordia”, ha scritto Vigneron. “Ai nostri giorni, la domenica ha perso lentamente il suo posto d’onore. Nell’Arcidiocesi di Detroit, ci impegniamo a mettere da parte questo giorno il più possibile per le attività centrate su Dio. Spostandoci dal trambusto delle attività sportive richieste di domenica, recupereremo questo santo giorno e dedicheremo più tempo alle famiglie per scegliere attività che diano priorità al tempo trascorso tra di noi e nostro Signore”.

Il cambiamento nella politica sportiva dell’arcidiocesi di Detroit chiama i cattolici anche ad abbracciare una maggiore conversione e a sforzarsi di evangelizzare.

L’Arcivescovo Vigneron ha sottolineato l’importanza della domenica come un giorno di riposo santo. Ha detto che è una celebrazione settimanale del dono dello Spirito Santo sui discepoli e della risurrezione di Cristo, rendendola una mini-Pasqua e una mini Pentecoste.

“Prima di tutto, la domenica è il giorno della risurrezione di Gesù verso una nuova vita. È il giorno in cui ha segnato definitivamente la vittoria di Gesù sul peccato e sulla morte, ed è il giorno che rappresenta che in Gesù condividiamo anche noi questa stessa vittoria attraverso il nostro battesimo”, ha scritto l’arcivescovo. “La domenica è anche il giorno in cui lo Spirito Santo fu riversato in potenza sui discepoli di Gesù. Infatti, Giovanni Paolo II ha chiamato la domenica ‘Pentecoste settimanale'”.

L’arcivescovo ha detto che la santità della domenica dovrebbe, in primo luogo, essere esercitata dalla partecipazione alla Messa. Oltre a ciò, ha detto, è appropriato che le famiglie perseguano insieme altre attività basate sulla fede, così come “tempo libero dalla tecnologia”.

“Adorazione eucaristica, preghiera personale, recita del Rosario, tempo per la catechesi e studi biblici, gruppi di condivisione della fede e simili sono tutti modi in cui famiglie e individui onorano il Giorno del Signore oltre la messa domenicale”, ha affermato.

L’arcivescovo ha anche sottolineato l’importanza del riposo, affermando che la società ha un “culto dell’intraprendenza”, che ha creato false identità. Ha avvertito che un’enfasi eccessiva sul lavoro può accentuare ciò che papa Francesco chiama una “cultura usa e getta”. “Quando il lavoro diventa la cosa più importante nelle nostre vite, diamo valore a noi stessi e agli altri per quello che possono fare piuttosto che per quello che sono. Invece il nostro valore deriva da ciò che Dio ha fatto per noi: siamo fatti a sua immagine e somiglianza, e Cristo è morto per noi. Quando scegliamo di fare della domenica un giorno di riposo, scegliamo di rinunciare a queste false culture e viviamo come parte della banda di discepoli di Cristo”.

I nuovi regolamenti entreranno in vigore all’inizio dell’anno scolastico 2019-2020. Nei prossimi mesi, l’arcidiocesi rilascerà ulteriori risorse affinché le famiglie abbraccino il Giorno del Signore.

“In definitiva, rimuovendo il requisito delle attività sportive, lasciamo più tempo alle famiglie per scegliere attività che danno la priorità al tempo trascorso tra loro e nostro Signore”, ha detto l’arcidiocesi.

Per l’arcivescovo Vigneron “Vivere la domenica più radicalmente” è necessario per tutto il popolo di Dio. “Ci aiuterà a radicare le nostre vite nella preghiera e nei sacramenti. Creerà lo spazio per noi, per dimostrare un’ospitalità insolitamente gentile e per includere quelli ai margini. E ci ricorderà la presenza di Dio anche in momenti difficili e stressanti, in modo che possiamo essere la banda di Gesù di discepoli missionari gioiosi nel sud-est del Michigan”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.