La nazione che offre più sacerdoti ai cattolici è la Birmania

La nazione che offre più sacerdoti al mondo cattolico, in  relazione alle dimensioni della sua popolazione cattolica è, sorprendentemente, la Birmania (Myanmar) .

Questa è la conclusione di uno studio condotto dal Center for Applied Research nell’apostolato dell’Università di Georgetown (CARA).

In Birmania ci sono solo 750 mila cattolici, l’1% della popolazione.

Il CARA ha scoperto che dopo la Birmania, il paese con la più alta percentuale di nuovi preti cattolici, sempre in relazione alle dimensioni della sua popolazione cattolica, è la Thailandia (un’altra nazione prevalentemente buddista), seguita da Togo, Vietnam e Bangladesh. Così 4 dei primi 5 paesi sono asiatici e 1 africano.

Ciò è inaspettato perché non siamo abituati a pensare al cattolicesimo come a un fenomeno asiatico. Tendiamo a considerarlo europeo, latinoamericano e africano. Dopotutto, solo il 3% degli asiatici è cattolico e solo 2 dei 48 paesi asiatici sono per lo più cattolici: le Filippine e Timor Est.

Il cardinale Luis Antonio Tagle di Manila ha rivelato che una volta papa Francesco gli aveva detto che “il futuro della Chiesa è in Asia”.

È concepibile che in questo secolo potrebbe esserci un papa asiatico.

Sabato scorso l’ordine domenicano ha eletto il primo leader asiatico nella sua storia di 800 anni, il filippino P. Gerard Timoner.

Già paesi con importanti minoranze cattoliche come l’India e la Corea del Sud stanno inviando un gran numero di missionari all’estero. Forse in futuro, i sacerdoti forniti alle parrocchie occidentali avranno  origini asiatiche o africane.

Nella classifica del Cara Gli Stati Uniti occupano il 50° posto su 108 paesi analizzati. Un posto più alto, al 49° posto, è la Gran Bretagna (Inghilterra, Galles e Scozia considerati insieme). Entrambi i paesi sono molto avanti rispetto alle nazioni tradizionalmente cattoliche come Spagna (73), Germania (75), Irlanda (compresa l’Irlanda del Nord, 78), Argentina (98) e Francia (99). In fondo c’è il Belgio, un tempo paese cattolico, oggi quasi completamente scristianizzato e sempre più islamizzato.

Il CARA ha basato le classifiche sulle cifre più recenti delle ordinazioni sacerdotali (per il 2015, 2016 e 2017) e sui dati sulla popolazione cattolica per il 2017 dell’Annuarium Statisticum Ecclesiae del Vaticano. Per evitare risultati distorti, i ricercatori hanno incluso solo paesi con almeno 100.000 cattolici, almeno 9 ordinazioni tra il 2015-2017 e un minimo di 1 ordinazione in ciascuno dei 3 anni studiati. Se avessero eliminato il requisito di 100.000 cattolici, il piccolo Nepal sarebbe stato il primo. Anche altre nazioni come Samoa, Niger, Liechtenstein, Danimarca, Kosovo, Kiribati e Figi avrebbero avuto un posto di rilievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.