La denuncia del vescovo Conley: “nella Chiesa incertezza e confusione sulla morale”

Il Vescovo James Conley di Lincoln, Nebraska, ha affermato che all’interno della Chiesa c’è “incertezza e confusione” sull’insegnamento morale, incluso “ad un livello molto alto” della gerarchia.

Mentre elogia papa Francesco, il vescovo ha anche discusso il ruolo del papato, dicendo che anche i papi “non riescono a rovesciare ciò che è stato insegnato infallibilmente”.

Le osservazioni del vescovo Conley sono contenute in un libro scritto dal professor Robert George dell’Università di Princeton, ed appare nel capitolo intitolato “Mind, Heart and Soul: Intellectuals and the Path to Rome”.

Al vescovo è stato chiesto delle divisioni all’interno della Chiesa. Ha detto che “sembrano esserci alcune voci all’interno della Chiesa, alcune ad un livello molto alto, che mettono in discussione alcune verità fondamentali sulla persona umana”.

Il vescovo Conley, che presiede la sottocommissione episcopale degli Stati Uniti per la promozione e la difesa del matrimonio, ha detto che si riferiva in particolare alle verità sul matrimonio e sulla sessualità.

“Queste verità sono state insegnate da lungo tempo dalla Chiesa”, ha detto il vescovo Conley al professor George, “e sono state fortemente ribadite da Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI. Si tratta di verità riguardanti la natura e la funzione della coscienza, il peccato e l’atto morale, il male intrinseco e la legge naturale”.

Mons. Conley ha detto che “alcune voci” sono “molto inquietanti. E alcuni di loro sono voci di persone molto importanti come teologi e persino vescovi, arcivescovi e cardinali “. Ma nonostante queste “divisioni sempre più profonde”, il vescovo ha affermato di non essere “scosso”. “Ho fiducia che lo Spirito Santo alla fine risolverà tutto e non permetterà alla Chiesa di uscire dai binari”.

Mons. Conley ha detto che pensa che papa Francesco sostenga gli insegnamenti della Chiesa. Tuttavia il vescovo ha anche considerato che “ciò che il fedele cattolico è obbligato ad osservare è la sua coscienza adeguatamente formata. Se questa entra in conflitto con qualcosa che dice qualsiasi papa, deve prevalere la coscienza ben formata”.

In tali circostanze, sosteneva il vescovo, sarebbe necessario “andare con il sensus fidelium” – “la credenza della Chiesa attraverso i secoli, ieri, oggi e in eterno”. Mons. Conley distinse tra il sensus fidelio – “l’insegnamento fermo, costante e vero della Chiesa” – e il dissenso moderno, ad esempio, sulla contraccezione.

Mons. Conley ha detto che ci sono stati “rari” tempi nella storia in cui un papa ha detto “qualcosa che contraddice o è logicamente incoerente con l’insegnamento fermo e costante della Chiesa su una questione di fede o di morale”. Se ciò accade, ha detto, è importante ricordare che “il papa non può ribaltare ciò che è stato insegnato infallibilmente, sia dal Magistero papale stesso o da un concilio ecumenico o dal magistero universale ordinario”. I papi sono “non dittatori”, ha detto, e “la fede della Chiesa non giace in un papa”.

Il vescovo Conley ha detto che il beato John Henry Newman potrebbe aiutare i cattolici a “capire l’ufficio di Pietro, specialmente nell’attuale pontificato”. Mentre Newman “aveva un rispetto, un’ubbidienza e un’ammirazione molto salutari per il papato”, anche lui “sapeva che non ogni enunciazione che usciva dalla bocca del papa è necessariamente autentica dottrina cristiana”. Mons. Conley ha detto che questa consapevolezza ha reso Newman impopolare con il potere ecclesiastico, e potrebbe aver impedito a Newman di essere nominato vescovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.