José Ronaldo Ribeiro, vescovo di Formosa, e alcuni sacerdoti arrestati per aver deviato i fondi della diocesi

Le autorità brasiliane hanno arrestato il vescovo di Formosa, monsignor José Ronaldo Ribeiro, il suo vicario generale, quattro sacerdoti e altri lavoratori di quella diocesi, con l’accusati di avere deviato, stimate in circa due milioni di reais (circa $ 600.000), provenienti da offerte, donazioni, spese per i battesimi e matrimoni , raccolte festive di denaro dei fedeli, il tutto per l’acquisto di un’azienda zootecnica e di una lotteria nello stato del Goiás.

Il numero dei detenuti aumenterà nelle prossime ore perché gli agenti stanno eseguendo un totale di tredici mandati di arresto e dieci mandati di perquisizione in tre luoghi diversi: Formosa, Posse e Planaltina.

I pubblici ministeri e gli agenti di polizia hanno effettuato ricerche in residenze private, nella curia della diocesi di Formosa, in diverse parrocchie e anche in un monastero. L’operazione di polizia ha ricevuto il nome significativo di «Caiphas» (Caifa).

Le indagini sono partite dopo delle segnalazioni anonime dei fedeli, che hanno riferito che dal 2015 si verificavano deviazioni.

José Ronaldo Ribeiro, classe 1957, che curiosamente ha come motto episcopale il brocardo: “In Corde Legem Meam”,  dal 2007 al 2014 era stato il vescovo di Janaúba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.