Inizia il processo per la beatificazione di padre Jacques Hamel, ucciso dai terroristi islamici

Saranno 69 i testimoni che verranno ascoltati nei prossimi mesi in audizione al processo di beatificazione di padre Jacques Hamel, il sacerdote della diocesi di Rouen barbaramente ucciso nella sua parrocchia di Saint-Etienne-du-Rouvray mentre celebrava una messa il 26 luglio 2016. A darne notizia è la diocesi di Rouen dove sabato scorso si è tenuta la prima udienza del processo in vista della beatificazione del sacerdote. Il postulatore, padre Paul Vigouroux, rivolgendosi all’arcivescovo Dominique Lebrun ha parlato della “reputazione di martire” di cui gode in Francia e nel mondo il Servo di Dio Jacques Hamel.

In questo anno dalla sua morte, sono infatti arrivate numerose lettere scritte da anonimi, autorità civili, vescovi cattolici di Francia e del mondo intero, da responsabili di altre Chiese cristiane, ebrei e musulmani. La fama di santità di padre Hamel è stata colta anche da Papa Francesco che, in una messa celebrata a Santa Marta il 14 settembre scorso e dedicata al sacerdote, ha detto: “È martire! E i martiri sono beati, dobbiamo pregarlo”.

“Padre Jacques Hamel – ha aggiunto il postulatore – ha condotto la sua vita da prete nella più grande semplicità, sempre nelle periferie, sia le periferie dell’agglomerato urbano di Rouen sia nelle periferie esistenziali di molti dei nostri contemporanei. In un comune caratterizzato da una forte presenza di popolazione di origine straniera, ha intrattenuto buoni rapporti con la comunità musulmana”. E proprio per questa sua “reputazione di uomo di fede al servizio di tutta la popolazione, al di là delle appartenenze religiose”, il comune di Saint-Etienne-du-Rouvray ha deciso di erigere una scultura in suo onore nel cuore della città. Nel prendere la parola, l’arcivescovo Lebrun ha spiegato che la prima fase del processo si terrà a livello diocesano a Rouen. Poi la seconda fase dell’istruttoria passerà a Roma presso la Congregazione delle Cause dei Santi. La decisione finale spetterà al Papa. In questa fase, ha concluso l’arcivescovo, è vietato invocare il nome di padre Hamel nelle preghiere ufficiali al rango dei beati e dei santi. (SIR)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *