Inés San Martin attacca il Papa: “Ha coperto vescovo argentino che aveva porno gay con minori”

Papa Francesco “coprì il vescovo che aveva un porno gay sul suo telefono”. Come scrive il Catholic Herald, la denuncia è stata fatta dalla giornalista vaticanista Inés San Martin durante l’ultima conferenza tenutasi in Vaticano al termine dell’incontro internazionale sui minori conclusosi ieri mattina.

Inés San Martin ha chiesto come possiamo credere che non ci saranno più insabbiamenti quando il Papa ha “coperto qualcuno che in Argentina ha avuto video porno gay con minori”.

Inés San Martin, che è uno delle giornaliste più rispettate nel corpo della Sala Stampa del Vaticano, ha chiesto all’arcivescovo Charles Scicluna in una conferenza stampa dopo il summit sugli abusi: “Sappiamo che c’è un vescovo in Argentina, Zanchetta, che aveva un porno gay sul suo telefono coinvolgendo i giovani. Come possiamo credere che questa è in realtà l’ultima volta che sentiremo parlare di questi temi quando papa Francesco ha coperto qualcuno che in Argentina aveva un porno gay che coinvolgeva minorenni? Come possiamo credere che qualcosa cambierà ora?”

L’arcivescovo Scicluna è sembrato essere sorpreso dalla domanda, rispondendo: “Bene, citerò ciò che il Santo Padre ha detto stamattina sulla legge. Per quanto riguarda il caso, non lo sono, non lo sono, lo sai, non sono autorizzato…”.

Il direttore dell’ufficio stampa provvisorio del Vaticano, Alessandro Gisotti, ha poi interrotto la risposta dell’arcivescovo Scicluna, affermando che non erano consentite domande su casi specifici.

La San Martin si riferiva al caso di Gustavo Zanchetta, che è stato segnalato per la prima volta dall’Associated Press e dal quotidiano argentino El Tribuno a gennaio. Zanchetta è stata nominata vescovo di Orán da papa Francesco nel 2013, prima di ritirarsi improvvisamente nel 2017, apparentemente per motivi di salute, mentre il Papa lo ha nominato poi ad un alto ruolo del Vaticano pochi mesi dopo.

Ma l’ex vicario generale di Zanchetta ha rivelato il mese scorso che il vescovo ha subito numerose accuse di abusi contro i seminaristi e di avere pornografia gay e “selfie nudi” sul suo telefono. Ha aggiunto che il Vaticano aveva saputo delle accuse già nel 2015.

El Tribuno ha pubblicato ulteriori documenti lo scorso giovedì suggerendo che Papa Francesco sapeva delle accuse. I documenti – scritti nel 2016 da un segretario diocesano e inviati alla nunziatura, a vari prelati di alto rango nella chiesa argentina e allo stesso papa – includono lamentele sullo “strano comportamento” di Zanchetta che “trascorreva anche la notte negli alloggi dei seminaristi, chiedeva loro di dargli dei massaggi, li incoraggiava a bere alcolici”. Il segretario diocesano dice anche di aver scoperto immagini oscene di Zanchetta e di altri uomini durante il download di contenuti dal telefono di Zanchetta al suo PC, su richiesta dello stesso Zanchetta. A gennaio, il Vaticano ha rifiutato di confermare o negare di aver ricevuto le prove contro Zanchetta.

Il vicario generale di Orán, tuttavia, ha dichiarato all’AP: “Nel 2015, abbiamo appena inviato un ‘supporto digitale’ con le foto selfie di Zanchetta in comportamenti osceni o fuori posto che sembravano inappropriati e pericolosi”. Il Vaticano deve ancora commentare gli ultimi documenti.

Una risposta

  1. Avatar don giorgio de capitani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.