Il vescovo Schneider: “A Notre Dame segno di Dio per la conversione dei pastori della Chiesa”

Secondo il vescovo Athanasius Schneider, come scrive Dominus Est, “il fuoco di Notre Dame è senza dubbio un segno potente e commovente che Dio sta donando alla sua Chiesa ai nostri giorni. È un grido del cuore per un’autentica conversione, prima fra tutte quella dei pastori della Chiesa”.

Per monsignor Schneider “questa è una rappresentazione simbolica e molto evocativa di ciò che è accaduto nella vita della Chiesa negli ultimi cinquant’anni, anni durante i quali il popolo ha assistito all’incendio dei più preziosi capolavori spirituali della Chiesa, cioè l’integrità e la bellezza della fede cattolica, la liturgia cattolica e la vita morale cattolica, specialmente tra i sacerdoti”.

“Se i Pastori della Chiesa rifiutano di fare penitenza per il fuoco spirituale degli ultimi cinquanta anni e per il tradimento del comando universale di Cristo di evangelizzare”, ha riflettuto monsignor Schneider, “non dovremmo temere che Dio mandi un altro e più sorprendente segnale come una devastante conflagrazione o un terremoto che distruggerebbe la Basilica di San Pietro a Roma?”.

Il vescovo si è poi soffermato sulla “discriminazione e il senso del ridicolo che la fede cattolica ha sofferto in Francia per colpa della politica francese e del panorama dei media francesi”, spiegando “che entrambi sono saldamente nelle le mani di corrente potenti anti-cristiane e massoniche”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.