Il cardinale Robert Sarah sul “segreto cristiano” per ricostruire la Chiesa

Visitando alla fine di maggio la cattedrale parigina di Notre-Dame, danneggiata da un incendio il 15 aprile di quest’anno, il cardinale Robert Sarah ha pronunciato un discorso breve e intenso in cui ha sottolineato il “segreto cristiano” per ricostruire materialmente e spiritualmente la cattedrale e tutta la Chiesa.
Ecco le parole del prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, che ha voluto aggiungere un incoraggiamento a tutti i sacerdoti del mondo:

“Cari amici, la cattedrale di Notre-Dame aveva una freccia che sembrava un dito che puntava al cielo. Questa freccia sembrava orientarci a Dio. Nel cuore di Parigi, sembrava dire a ciascuno qual è il senso ultimo della sua vita. Quella freccia simboleggiava l’unica ragion d’essere della Chiesa: condurci a Dio, guidarci a Lui. Una Chiesa che non è orientata a Dio è una Chiesa che entra in collasso e muore.

Volete sollevare la Chiesa? Allora inginocchiatevi! Volete erigere questa bella cattedrale che è la Chiesa cattolica? Inginocchiatevi! Una cattedrale è in primo luogo uno spazio in cui gli uomini possono inginocchiarsi. Una cattedrale è un luogo per la presenza di Dio nel Santissimo Sacramento.

Voglio incoraggiare i sacerdoti. Voglio dire loro: amate il sacerdozio! Siate orgogliosi di essere crocifissi con Cristo! Non abbiate paura dell’odio del mondo! Voglio mostrare il mio affetto di padre e di fratello ai sacerdoti di tutto il modo. Desidero, davanti a voi e con voi, esprimere il mio profondo affetto ai sacerdoti fedeli di tutto il mondo. Desidero, davanti a voi e con voi, rendere omaggio a tutti loro!

Cari amici, amate i vostri sacerdoti! Non ringraziateli per quello che fanno, ma per quello che sono!”.

Il cardinale Robert Sarah, nato a Ourous (Guinea) il 15 giugno 1945, dal 23 novembre 2014 prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

Nel concistoro del 20 novembre 2010 papa Benedetto XVI lo ha creato cardinale diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana, diventando il primo cardinale guineano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.