Generazione Famiglia denuncia: “A Bergamo si ipersessualizzano bambini a scuola”

Riferimenti sessuali espliciti e persino sesso orale illustrato a bambini tra i nove e i dieci anni. Tutto questo accade a Bergamo, denunciato con vigore e veemenza dalla battagliera responsabile di Generazione Famiglia per Bergamo, Elena Pisani. Anche i genitori dei piccoli alunni sono sconcertati e preoccupati. Il guaio è che di tanto è stata informata anche la diocesi, ma senza riscontri. Parola ad Elena Pisani.

Pisani, che cosa succede a Bergamo?

” In un istituto scolastico, la Camozzi, si tengono corsi e lezioni di affettività sessuale a bambini tra i nove e e dieci anni. La cosa che trovo a dir poco incredibile, è che questi corsi si tengono  appoggiandosi ad un consultorio diocesano”.

Spieghi meglio…

” L’operatrice proviene da un consultorio diocesano. I corsi di cui parlo sono  molto, ma molto espliciti e i genitori sono disorientati, alcuni ci hanno contattato. In più aggiungiamo che l’operatrice non è una psicologa, ma è solo diplomata ad un istituto di Firenze”.

Come funziona questo corso di Bergamo?

“Durante le lezioni ai bimbi tra i nove e dieci anni viene proposta questa scatolina dei segreti alla quale porre domande ed è venuto fuori di tutto, siamo finiti sui giornali. In queste lezioni, ma trovo sia errato chiamarle in questo modo, ai bambini si è parlato di bacio particolare, e cioè  sesso orale tanto che un piccolo scolaro ha posto domande  sin troppo circostanziate”.

La diocesi è stata informata?

” Certo, abbiamo scritto riferendo che alcuni bimbi sono arrivati a patire di disturbi. In diocesi sanno tutto, hanno letto, però non è successo niente e i corsi proseguono”.

Anche gender?

” E’ arrivato anche quello, ovviamente. Il Comune di Bergamo manda newsletter sulla identità di genere e dice che i bambini non devono essere ingabbiati. Persino il preside a scuola ci ha risposto e lo ha fatto ai genitori che tra gli obiettivi di studio ci sta l’ identità di genere. Assistiamo ad una ipersessualizzazione  precoce sui bambini delle elementari”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.