Filosofo francese mette in guardia dall’avanzata dell’animalismo

Il filosofo francese Francis Wolff ha messo in guardia gli europei dall’animalismo e si è espresso a favore di una federazione di Stati multietnici

Wolff, classe 1950, uno dei più importanti pensatori del presente, professore emerito dell’Ecole Normale Superieure presso l’Università di Parigi, è una delle menti che analizzano in modo accurato e critico il presente.

Profondamente umanista e sostenitore della definizione neo-aristotelica dell’uomo, Wolff ha lanciato l’allarme anche nel suo ultimo libro, “Tre utopie contemporanee”.
Intervistato dal quotidiano spagnolo El Mundo Wolff si è scagliato contro due grandi e pericolose ideologie: il postumanesimo e l’animalismo.

“Non crediamo più nella salvezza comune”, ha spiegato Wolff. “Non sappiamo quello che vogliamo. Ci sono lotte e richieste contro questo, contro quello … ma nessuno combatte per un ideale, ma solo contro mali isolati. Il sogno politico non esiste più”.

“Non sappiamo più cosa sia l’umanità”, ha denunciato Wolff. “Uno dei motivi è la caduta delle religioni tradizionali, che avevano chiaramente definito, in modo assolutamente rigoroso, la differenza tra uomo, Dio e animali. … Con la caduta delle religioni i confini tra uomo e animale e tra uomo e robot sono stati cancellati, intesi come il nuovo ‘dio’ della contemporaneità. Un altro dei motivi che hanno contribuito a non sapere cos’è l’umanità è lo sviluppo delle neuroscienze … La differenza tra intelligenza artificiale e intelligenza artificiale, tra coscienza umana e coscienza animale è confusa. Per un biologo, un cervello è un cervello, non è possibile distinguere la ragione umana dalla ragione animale. Negli ultimi 15, 20 anni è stata imposta l’idea di una continuità tra animali e uomini e su questo, tra le altre cose, si basa l’ideologia animalista. Quando discuto con un quindicenne, sedicenne, trovo difficile spiegare loro che uomini e animali sono due entità completamente diverse, perché è stata imposta questa idea di continuità”.

Wolff ha previsto anche lo sviluppo di due nuove ideologie: il postumanesimo, che sogna di far trionfare l’uomo sulla sua mortalità, e l’animalismo. Il postumanesimo aspira a rendere gli uomini “immortali”, a eliminare dagli uomini qualsiasi traccia animale, a diventare pseudo-macchine. L’animalismo, d’altra parte, predica l’uguaglianza tra gli esseri umani e gli animali. “Sono utopie nel senso che sono ossessionate dall’idea di un bene assoluto. Nel postumanesimo il male è l’animalità dell’uomo, delle malattie, della vecchiaia, della morte. Per l’animalismo, l’utopia sarebbe un mondo senza disuguaglianze tra tutti gli esseri viventi o sensibili, il che significherebbe un completo cambiamento di civiltà e il rapporto che abbiamo non solo con gli animali ma con gli uomini. Nel caso dell’utopia postumana, il pericolo è che un piccolo gruppo di persone con un sacco di soldi possa formare una nuova razza, una razza che può vivere 300, 400, 500 anni e che avrebbe un’enorme superiorità sugli altri semplici mortali. Il rischio del postumanesimo è la possibilità di trasformare la differenza di classi in differenze di specie. E anche l’animalismo, che a prima vista offre un aspetto molto generoso, è pericoloso. Se dovesse essere trasformato in un programma politico, significherebbe il divieto assoluto di mangiare carne e pesce, di fabbricare articoli in pelle … Qualcosa di assolutamente totalitario. … Ho la sensazione che molti entrino in questa corrente per difendere il benessere degli animali senza essere consapevoli dei pericoli di quell’ideologia, così come molti sono entrati nel Partito Comunista per combattere le ingiustizie sociali senza pensare che l’utopia comunista fosse molto pericolosa”.

Wolff ha sempre difeso la corrida, come altri filosofi, spiegando che “il modo per allevare i tori per la corrida è quello che meglio si adatta al benessere degli animali. È il modo di allevamento più ecologico che ci sia. Il sogno dell’animalista è quello di allevare l’animale in totale libertà e preservare i suoi istinti naturali. E questo accade per i tori delle corride. Il rispetto per l’animale è dimostrato dal fatto che l’uomo deve rischiare la propria vita per uccidere l’animale rispettato.

Wolff spiega che sua utopia è “l’identificazione tra la comunità politica e la comunità etica, il cosmopolitismo politico, una federazione di stati multietnici, senza confini, con pari diritti e opportunità per tutti gli esseri umani. Penso, ad esempio, che l’unica soluzione politica possibile per l’Africa sia una federazione di paesi africani, perché i confini esistenti non sono riconosciuti dagli stessi popoli. Supponiamo anche una federazione di paesi ibero-americani, supponga che la federazione dei paesi europei continui… Progressivamente, ciò potrebbe portare a una confederazione di federazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.