Esclusivo. Il card. Romeo: “il cardinal Sarah, che stimo, non è andato contro nessuno”

 

“Sono per il sacerdozio celibatario”: lo dichiara in questa intervista che ci ha gentilmente rilasciato il cardinale ed arcivescovo emerito di Palermo Sua Eminenza Monsignor Paolo Romeo.

Eminenza Romeo, la Chiesa è in fermento alla vigilia dell’ atteso documento post sinodo sull’ Amazzonia del Papa. Che cosa ne pensa?

“Vado con ordine e parto da alcune considerazionii. Quella del sacerdozio celibatario è una legge ecclesiastica che non trova  radicamento certo nella Scrittura tanto meno in alcun dogma. E’ un fatto di tradizione e appunto di legge ecclesiastica. Ricordo a me stesso che San Pietro aveva la suocera. Fatta questa doverosa premessa, aggiungo che io  sono stato amministratore apostolico alla diocesi di Piana degli Albanesi dove esiste una parte di clero cattolico uxorato e la qualità era di buon livello. Lo stesso accade in parti del Canada, nel rito maronita, greco- bizantino, ucraino e per alcuni sacerdoti protestanti convertiti al cattolicesimo”.

E allora?

“Il problema, da quello che emerge, parte da circostanze particolari dell’Amazzonia e la legge ecclesiastica varie volte è stata modificata in ragione di circostanze particolari. Questo non significa che io mi dichiari a favore, esamino  solo il problema per rispondere alla sua domanda. Paolo VI, per fare un esempio, non si rifiutò di esaminare il caso, disse che non era il tempo giusto, lo rinviò, che non era arrivato il momento. Il mio pensiero va, per esempio, al diaconato permanente che è  un grado dell’ ordine, il terzo. I diaconi permanenti possono contrarre matrimonio. In sintesi, la legge ecclesiastica è soggetta a mutamenti in ragione di casi concreti”.

Eminenza Romeo una buona fetta del clero non sembra apprezzare..

“Perchè, lo dico senza polemica e in spirito di analisi, vi è chi non ritiene modificabile la tradizione, irrinunciabile. E penso al problema dell’uso della lingua vernacolare”.

La sua opinione Eminenza Romeo?

“Io sono per il sacerdozio celibatario, in esso e con esso sono cresciuto, ritengo la Chiesa  mia sola ed unica sposa e che un prete, per essere davvero libero non è in grado avere famiglia. Deve obbedire con serenità solo alla Chiesa”.

 Eminenza Romeo, è di questi giorni la polemica sul libro” Dal profondo dei nostri cuori” scritto dal card Sarah col contributo del Papa emerito Benedetto XVI secondo una poco convincente formula..

“Penso che si sia scatenata una polemica esagerata e forse inutile basata sui massimi sistemi. Per quello che mi riguarda il cardinal Sarah che stimo non è andato contro nessuno, non ha preso di mira alcun obiettivo. La Chiesa del resto non è un regime, parliamo tanto di dialogo e di parresia, dunque dove sta  il caso? Se vogliamo un dialogo franco, ben venga, ciascuno in libertà dica la sua. Chi ha firmato il libro ha il diritto e direi persino il dovere, a far conoscere la sua opinione”.

Bruno Volpe

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.