Elio Guerriero: “Benedetto XVI si è dimesso perchè era provato fisicamente, nessun complotto”

Papa Benedetto XVI“Servitore di  Dio e della Umanità”, è il titolo della eccellente biografia del Papa Emerito Benedetto XVI scritta dal teologo e professore Elio Guerriero, per oltre venti anni direttore e responsabile della edizione italiana della prestigiosa rivista Communio. Il volume è edito per i tipi di Mondadori. Elio Guerriero, grande amico personale di Papa Ratzinger, ne traccia con assoluto  garbo, un ritratto equilibrato nel quale dosa con sapienza, ricerca e fedeltà storica a riferimenti di teologia. Nel viene fuori un lavoro da leggere con molta attenzione. La Fede Quotidiana ha intervistato l’ autore.

Professor Guerriero, perchè quel titolo?

”  Intanto svelo il motivo che mi ha portato  a scrivere il libro. A Ratzinger mi unisce un solido rapporto di amicizia personale e ci vediamo due o tre volte all’ anno, inoltre per   oltre venti  ho diretto la edizione italiana di Communio della quale egli è stato uno degli ispiratori”.

Un punto delicato. Perchè il Papa Emerito ha rassegnato le dimissioni?

” Non ci sono fatti misteriosi o complotti . Egli era  molto stanco e provato fisicamente e questa stanchezza ha avuto la meglio su un fisico che sempre è stato cagionevole”.

Si è parlato di un Ratzinger immenso teologo, ma poco propenso al comando…

”  Questo è parzialmente vero, ma non bisogna esagerare. Certamente è un uomo mite e gentile, però non ingenuo o peggio arrendevole. Ha capito subito che la Chiesa aveva bisogno di riforme e non può rimanere ferma”.

Uno dei  capisaldi del suo Magistero è stata la lotta al relativismo…

” Ha inteso sempre porre al centro del suo messaggio la ricerca della verità. Tutto il suo magistero va in questa direzione. Per questo motivo ho scelto il titolo Servitore di Dio e della Umanità, perché cercando quello che è vero, Ratzinger ha deciso di dedicarsi totalmente sia a Dio che all’ Uomo”.

La stampa non è stata mai troppo benevola con lui …

” Purtroppo non ci sta, per ragioni pratiche, niente di più relativo della stampa, specie quella quotidiana. E dico che Ratzinger, sempre rispettando tutti, non si è curato molto dei giudizi e di quello che si scriveva di lui, ma ha sempre scelto la verità, anche  se  scomoda o impopolare”.

Secondo lei il discorso di Ratisbona fu profetico?

” In quel caso, egli metteva il dito in un problema scottante, il rapporto fede- ragione che  non sono confliggenti, però non è stato compreso. I primi a scagliarsi contro di lui furono proprio gli occidentali ed un quotidiano degli Stati Uniti, ovviamente si accodarono i musulmani. Ma diciamolo che fu proprio il mondo occidentale o  parte di esso  a negargli solidarietà e ne rimase colpito”.

Lei lo vede anche oggi. Come sta il  Papa Emerito?

“Lo trovo lucido  sia pur con gli acciacchi dovuti alla età, ma segue tutto con interesse. I rapporti con Papa Francesco? Da quanto so, buoni”.

Bruno Volpe

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *